Italiano Français Nederlands Deutsch English
La Bussola
Se siete indecisi su dove andare, in questa pagina trovate l'elenco degli ultimi 15 itinerari inseriti o aggiornati di recente.
Ordinamento per data di aggiornamento descrescente
Itinerario 07.04

Sicuramente uno dei più interessanti itinerari all'interno del Parco, in ambienti estremamente vari: dalle abetine di inizio percorso, alle impressionanti pareti calcaree del Massiccio del Marguareis, per finire con gli arrotondati declivi pascolivi del Gias soprano di Sestrera. In senso inverso, questo itinerario descrive la via di accesso classica al Rifugio Garelli.

Dislivello in salita: +958 / -24; Dislivello totale: +958 / -958;
Tempo di salita: 3:00 - 3:25; Tempo totale: 4:35 - 5:20;
Distanza: 11796; Difficoltà: E;
Aggiornamento: Autunno 2016;

Itinerario 01.15

Bellissima traversata che tocca numerose caratteristiche borgate, alcune parzialmente riattate ed altre abitate da una manciata di residenti, altre ormai abbandonate, ma tutte ricche di fascino e di storia. Notevole la Chiesa di Albra, perfettamente restaurata e in magnifica posizione panoramica, mentre poco impervio risulta l'attraversamento del Vallone del Rio Peisino, stretto e roccioso.

Dislivello in salita: +317 / -98; Dislivello totale: +406 / -227;
Tempo di salita: 1:10 - 1:20; Tempo totale: 1:45 - 2:00;
Distanza: 4821; Difficoltà: E;
Aggiornamento: Autunno 2016;

Itinerario 01.06

Salita piuttosto faticosa, sia per il dislivello che per la pendenza del sentiero, che ripaga tuttavia dello sforzo per il panorama che si ammira lungo tutto il percorso. Nelle limpide giornate autunnali lo sguardo spazia dalla Corsica al Monte Rosa.

Dislivello in salita: +1374 / -2; Dislivello totale: +1376 / -1376;
Tempo di salita: 4:10 - 4:45; Tempo totale: 6:25 - 7:15;
Distanza: 6182; Difficoltà: E/EE;
Aggiornamento: Autunno 2016;

Itinerario 05.02

Ad un tratto iniziale un poco monotono, su strada sterrata, segue una piacevole traversata tra le bellissime conche pascolive dove si produce il ben noto formaggio Raschera d'alpeggio. Piccoli laghi e la spettacolare parete NE del Monte Mongioie completano il quadro di questo itinerario.

Dislivello in salita: +713 / -303; Dislivello totale: +1016 / -1016;
Tempo di salita: 3:15 - 3:40; Tempo totale: 6:05 - 6:45;
Distanza: 9235; Difficoltà: E;
Aggiornamento: Estate 2016;

Itinerario 07.05

Questo itinerario si snoda lungo la "strada dell'invasione", vecchia rotabile militare forse costruita per aprire una via di invasione verso la Francia. I tratti già costruiti della strada consentono di raggiungere senza eccessivo sforzo la panoramica sella prativa del Colle del Prel ed il Passo del Duca, noto per un avvenimento legato alla lotta partigiana.

Dislivello in salita: +957 / -0; Dislivello totale: +957 / -957;
Tempo di salita: 3:10 - 3:30; Tempo totale: 4:55 - 5:30;
Distanza: 13877; Difficoltà: E;
Aggiornamento: Estate 2016;

Itinerario 07.03

Una delle mete più note all'interno del parco, il Pis del Pesio è una spettacolare cascata dove l'acqua sgorga direttamente da una verticale parete rocciosa e compie un salto di oltre 20 metri. Il fenomeno è però tanto affascinante quanto effimero: si manifesta solo per alcune settimane l'anno, in primavera, quando l'abbondanza di acque dovuta al disgelo riempe le cavità ipogee fino a farle traboccare dal sifone terminale del Pis.

Dislivello in salita: +419 / -41; Dislivello totale: +511 / -511;
Tempo di salita: 1:25 - 1:40; Tempo totale: 2:50 - 3:15;
Distanza: 8158; Difficoltà: E;
Aggiornamento: Estate 2016;

Itinerario 01.01

Facile traversata che, dopo una salita iniziale, taglia a mezzacosta tra boschi e pascoli. Intrigante il ponte sospeso che si attraversa in località Le Vene. Il percorso è dotato di pannelli informativi che ne illustrano i principali aspetti naturalistici.

Dislivello in salita: +235 / -0; Dislivello totale: +332 / -449;
Tempo di salita: 0:40 - 0:45; Tempo totale: 2:10 - 2:30;
Distanza: 6880; Difficoltà: E;
Aggiornamento: Estate 2016;

Itinerario 07.07

Traversata dal Vallone di Serpentera al Vallone di Sestrera, molto varia ed interessante, che tocca numerosi Gias. Notevoli i paesaggi e i panorami, incluso quello sulla parete Nord del Marguareis, che si alternano lungo il cammino.

Dislivello in salita: +1018 / -84; Dislivello totale: +1102 / -1102;
Tempo di salita: 3:25 - 3:55; Tempo totale: 5:40 - 6:35;
Distanza: 7883; Difficoltà: E;
Aggiornamento: Estate 2016;

Itinerario 06.08

Ascesa un po' faticosa, ripagata dai meravigliosi panorami sulla Cima delle Saline, la cui elegante sagoma conferisce a questo angolo della Valle Ellero un aspetto dolomitico. Oltre il Gias Gruppetti ci si sposta per brevi tratti in assenza di traccia e con segnaletica orizzontale piuttosto rada: pur in assenza di difficoltà tecniche, si consiglia la percorrenza solo con buona visibilità.

Dislivello in salita: +713 / -18; Dislivello totale: +731 / -731;
Tempo di salita: 2:40 - 3:00; Tempo totale: 4:30 - 5:05;
Distanza: 6470; Difficoltà: E;
Aggiornamento: Estate 2016;

Itinerario 06.01

Percorso che si snoda tra pascoli e praterie alpine, sempre su terreno facile fino al Passo delle Saline. Evidenti le tracce di fenomeni carsici, dall'erosione dovuta alle acque di ruscellamento sulle rocce calcaree ai vari inghiottitoi che si possono scorgere durante il tragitto. Decisamente più impegnativa la Salita a Cima delle Saline, non tanto per le difficoltà tecniche, quanto per la notevolissima e costante pendenza; la fatica è comunque ripagata dall'ampio panorama. Chi ha ancora energie, può aggiungere all'escursione una seconda vetta altrettanto panoramica, la Cima Pian Ballaur; la discesa, in questo caso, può avvenire anche via Colle del Pas e Porta Biecai.

Dislivello in salita: +1136 / -167; Dislivello totale: +1303 / -1303;
Tempo di salita: 3:50 - 4:25; Tempo totale: 6:45 - 7:45;
Distanza: 8142; Difficoltà: EE;
Aggiornamento: Estate 2016;

Itinerario 11.04

Breve traversata su buoni sentieri che tuttavia offre magnifici scenari. In particolare la discesa dal Colle di Fenestrelle avviene al cospetto del Massiccio dell'Argentera ai piedi del quale segue sono sempre ben visibili il grande Bacino artificiale del Chiotas ed il vicino Lago Brocan. La zona di valico è spesso frequentata da branchi di stambecchi.

Dislivello in salita: +666 / -44; Dislivello totale: +729 / -560;
Tempo di salita: 2:00 - 2:20; Tempo totale: 3:05 - 3:35;
Distanza: 8158; Difficoltà: E;
Aggiornamento: Estate 2016;

Itinerario 12.07

Piacevolissimo itinerario ad anello che si snoda parte in territorio italiano e parte in territorio francese. Il percorso, un susseguirsi di laghi e valichi, si mantiene sempre in quota ed è estremamente panoramico.

Dislivello in salita: +533 / -113; Dislivello totale: +558 / -558;
Tempo di salita: 2:10 - 2:30; Tempo totale: 3:20 - 3:55;
Distanza: 10715; Difficoltà: E;
Aggiornamento: Estate 2016;

Itinerario 11.13

Escursione lunga ma estremamente interessante. Oltre al bellissimo Pian del Valasco, si passano in successione i Laghi inferiori e i Laghi superiori di Valscura prima di giungere alla Bassa del Druos. Sia ai Laghi inferiori che al colle sono numerose le tracce di opere militari costruite già dall'800 a difesa di uno dei più agevoli valichi della Valle Gesso.

Dislivello in salita: +1253 / -10; Dislivello totale: +1263 / -1263;
Tempo di salita: 4:25; Tempo totale: 7:35;
Distanza: 11315; Difficoltà: E;
Aggiornamento: Estate 2016;

Itinerario 11.24

Un'agevole salita, interamente su rotabile sterrata (con eventuali scorciatoie su sentiero) all'ameno Piano del Praiet. Ai margini dell'ampia piana pascoliva si trova il Rifugio Soria Ellena, base di partenza per numerose escursioni e traversate, molte delle quali si possono anche compiere in giornata partendo da San Giacomo.

Dislivello in salita: +614 / -0; Dislivello totale: +614 / -614;
Tempo di salita: 2:15 - 2:30; Tempo totale: 3:55 - 4:25;
Distanza: 6297; Difficoltà: T/E;
Aggiornamento: Estate 2016;

Itinerario 11.06

Breve traversata che consente di ammirare ottimi scenari sul Bacino del Chiotàs dal Colle del Chiapous. Il colle si raggiunge attraversando il coronamento della Diga del Chiotàs, divenuto un passaggio obbligato dopo la costruzione del bacino. La breve discesa sul Rifugio Morelli è resa un poco malagevole dalla possibile presenza di chiazze di neve e detriti.

Dislivello in salita: +617 / -93; Dislivello totale: +617 / -275;
Tempo di salita: 2:25 - 2:40; Tempo totale: 2:50 - 3:10;
Distanza: 8032; Difficoltà: E;
Aggiornamento: Estate 2016;