Trekking Giro del Monviso

Giro del Monviso

Carta schematica Giro del Monviso

Mappa su base © OpenStreetMap contributors, SRTM; map style © OpenTopoMap - licenza CC-BY-SA

Tappa GV.01

QR Code - Tappa GV.01

GV.01 Pian del Re - Lago Fiorenza - Rifugio Sella

E' la più breve delle tre tappe del Giro del Monviso, e costituisce anche l'itinerario di accesso classico al Rifugio Quintino Sella. Il sentiero è piuttosto frequentato, ma anche estremamente appagante, sia per la sequenza di bellissimi laghi toccati, ...

Dislivello: +687 / -67 m
Tempo: 2:25 - 2:45 ore
Distanza: 6451 m
Difficoltà: E
Ultimo aggiornamento: Estate 2019

Tappa GV.02

QR Code - Tappa GV.02

GV.02 Rifugio Sella - Passo Gallarino - Passo di San Chiaffredo - Grange Gheit - Rifugio Vallanta

Tappa lunga ma appagante, che si snoda dapprima in selvaggi ambienti d'alta quota tra macereti e laghi glaciali, poi si tuffa in discesa ai margini del famoso bosco di pino cembro dell'Alevè. La tappa termina con la risalita del Vallone di Vallanta, ...

Dislivello: +750 / -946 m
Tempo: 4:35 - 5:15 ore
Distanza: 14013 m
Difficoltà: E
Ultimo aggiornamento: Estate 2019

Tappa GV.03

QR Code - Tappa GV.03

GV.03 Rifugio Vallanta - Passo di Vallanta - Refuge du Viso - Galleria delle Traversette (Buco di Viso) - Pian del Re

Sono due gli elementi di questa tappa che colpiscono maggiormente. Il primo è la velocità con cui si passa dalle impervie e severe pareti del gruppo del Viso, contornate da colate di massi e detriti, agli arrotondati (e acquitrinosi) pendii prativi ...

Dislivello: +885 / -1309 m
Tempo: 5:30 - 6:15 ore
Distanza: 13786 m
Difficoltà: E
Ultimo aggiornamento: Estate 2019

Il giro classico attorno al Monviso si compie in tre giorni, con partenza e rientro a Pian del Re. Seppure con un suddivisione delle tappe meno agevole, la partenza del tour può avvenire anche da Castello di Pontechianale.
La presenza di numerosi rifugi (ad esempio il Refuge du Viso può servire a dividere la terza tappa o il Rifugio Alpetto ad allungare una prima tappa piuttosto breve) consente comunque all'escursionista di aumentare o diminuire i giorni di trekking, variando percorso ed anche estendendolo alla Val Pellice.

Segnavia: sul versante italiano la segnaletica orizzontale è costituita da tacche bianco-rosse affiancate, e la segnaletica verticale si affida a paline e cartelli indicatori bianco-rossi.
Sul versante francese si utilizzano tacche gialle e paline gialle.