Tappa BO.03

BO.03 Chionea - Chioraira - Aimoni

Chionea (1104 m) - Porcirette sottane (1094 m) - Chioraira (1097 m) - Colletta (1052 m) - Aimoni (1036 m)

+112 / -180

Dislivello [m]

1:30 - 1:45

Tempo [h:mm]

5673

Distanza [m]

Difficoltà

Tipologia

Tappa poco faticosa e molto affascinante nel tratto compreso tra Chionea e Chioraira. Abbastanza monotona la parte del percorso che conduce ad Aimoni, sebbene Borgata Colletta, in ottima e assolata posizione, meriti una visita.

Profilo altimetrico - Tappa BO.03
A Da Chionea (1104 m) a: Dislivello [m] Tempo [h:mm] Distanza [m] Difficoltà Segnavia
B Chioraira (1097 m) +72 / -79 0:40 - 0:45 2432 T A20
C Colletta (1052 m) +84 / -136 1:00 - 1:10 3871 T A23
D Aimoni (1036 m) +112 / -180 1:30 - 1:45 5673 T A23

Dal Rifugio Chionea (1107 m circa) a Chionea (1104 m) 4, si segue la Tappa AT.02 39 fino a Chioraira (1097 m, 0:40 - 0:45 ore da Chionea, numerose le fontane in tutta la borgata, segnavia A20) 21.
Attraversando il paese, presso un pilone votivo, si lascia a destra la diramazione sterrata (variante alta della Balconata, vedi Itinerario BO.06) per la località La Colma, quindi si trascura ancora a destra una seconda sterrata, più ampia, sempre per la La Colma.

Attenzione: a causa dell'alluvione del novembre 2016, il Rio Rava Grossa ha completamente devastato il suo alveo. Se il tracciato della Balconata in questa tappa è nuovamente percorribile a piedi, non ho notizie dello stato dei sentieri indicati in questa variante.
Seguendo la sterrata è possibile una breve variante (non ufficiale) a questa tappa, consigliata perché consente di evitare un tratto di asfalto. Alla prima biforcazione si trascura il ramo di destra sale a La Colma e si prosegue su quello di sinistra, quasi pianeggiante. La strada stacca, una per lato, due evidenti mulattiere, oltrepassa l'impluvio del Rio Rava Grossa e compie un secco tornante verso destra. Qui si abbandona la sterrata per seguire la mulattiera che si stacca sulla sinistra, proseguendo il suo percorso pianeggiante all'interno del bosco. Quando si esce dal bosco si è ormai alle spalle della Borgata Colletta. La mulattiera, che qui si riduce a sentiero per un breve tratto, piega allora a sinistra (nord) e inizia a perdere quota. Dopo aver toccato un pilone votivo, ora su comodo tratturo si scende alla vicina rotabile sterrata che collega Chioraira a Borgata Colletta. Seguendola verso destra si riprende il percorso principale della Balconata. (Dislivello: +33/-53 m; Dislivello A/R: -; Tempo: 0:15 ore; Tempo A/R: -; Difficoltà: E; Distanza: 1290 m)

Continuando a scendere su asfalto in direzione di Ormea, si perviene ad un bivio a destra con un'altra stradina asfaltata (segnavia A23). La si segue perdendo lentamente quota fino all'impluvio del Rio Rava Grossa, ove termina l'asfalto. Si prosegue allora per lungo tratto su una sterrata pianeggiante, trascurando l'unica diramazione a destra (vedi variante descritta sopra), ed arrivando alla borgata Colletta (1052 m, 0:20 - 0:25 ore da Chionea) 76, in ottima posizione rivolta a mezzogiorno.

Poco prima della borgata, un cartello apposto su un castagno secolare, ne attribuisce la messa a dimora a Napoleone durante nel 1804. Ben più imponente, tuttavia, il tronco di un castagno 5 che si incontra a Porcirette sottane, verosimilmente presente ben prima del passaggio di Napoleone...

[-]

Inizialmente in leggera discesa, poi in falsopiano, la sterrata 8 prosegue con un altro lungo tratto nel bosco fin nei pressi di Aimoni (1036 m, 0:30 - 0:35 ore da Colletta), ove si immette sulla strada asfaltata che sale da Ormea. Svoltando a destra, lungo la strada asfaltata, si giunge in qualche minuto all'ampio piazzale a fondo naturale dove si trova l'isolato edificio dell'Albergo Payarin.

Chi volesse visitare la piccola frazione di Aimoni, all'ultimo bivio deve imboccare la stradina asfaltata proprio di fronte.

Carta schematica - Tappa BO.03

Scarica la traccia GPS in formato GPX

Mappa su base © OpenStreetMap contributors, SRTM; map style © OpenTopoMap - licenza CC-BY-SA

Accessi

Da Ceva si risale la Valle Tanaro fino ad Ormea dove, poco prima del distributore di benzina, si imbocca uno slargo sulla destra (Piazza della Libertà). Al fondo dello slargo, a sinistra, si prende la piccola strada asfaltata che sale a Chionea e Chioraira, seguendo poi le indicazioni per Chionea. A Chionea si lascia l'auto, anche se le possibilità di posteggio sono davvero poche.

Note

L'alluvione del novembre 2016 ha devastato l'alveo del Rio Rava Grossa, poco dopo Chioraira. In zona sono presenti ancora numerose frane, superabili però a piedi senza difficoltà. Situazione simile si riscontra presso il Rio Chiapino.

Pernottamento

Albergo Payarin, www.payarin.it, cell. +39 333 1341915.

Cartografia

[Fra n.19] [AsF n.3] [IGC n.15]
I riferimenti dettagliati alle carte sono disponibili nella sezione Bibliografia.

Ultimo aggiornamento

Autunno 2017

QR code

Inquadra il QR code con l'apposita App del tuo telefonino per essere indirizzato a questa pagina web.

QR Code - Tappa BO.03

Non sono presenti commenti per questa tappa.

Commenta la tappa BO.03

4 - Chionea (2009)
4 - Chionea (2009)
5 - Il castagno plurisecolare a Porcirette sottane (2009)
5 - Il castagno plurisecolare a Porcirette sottane (2009)
9 - La chiesa a Case Rian (2009)
9 - La chiesa a Case Rian (2009)
1 - La posizione ombreggiata e riparata su una abitazione di Chioraira ha conservato questo affresco datato 1815 (2005)
1 - La posizione ombreggiata e riparata su una abitazione di Chioraira ha conservato questo affresco datato 1815 (2005)
3 - La mulattiera che collega Porcirette sottane a Chionea (2005)
3 - La mulattiera che collega Porcirette sottane a Chionea (2005)
6 - Paline segnavia in Borgata Colletta (2009)
6 - Paline segnavia in Borgata Colletta (2009)
8 - La sterrata che collega Borgata Colletta ad Aimoni (2009)
8 - La sterrata che collega Borgata Colletta ad Aimoni (2009)
7 - Borgata Colletta (2009)
7 - Borgata Colletta (2009)
2 - Chioraira, con il campanile della Chiesa dei Santi Gioachino ed Anna, del XVII secolo (2005)
2 - Chioraira, con il campanile della Chiesa dei Santi Gioachino ed Anna, del XVII secolo (2005)
×