Home >> Escursioni e Sentieri >> Valle Casotto >>
03.03 Valcasotto (966 m) - Castello di Casotto (1089 m) - Borgata Le Surie (1215 m) - Valcasotto (966 m)
[Commenta l'itinerario] [Leggi i commenti]   [Stampa] [Chiudi]   Français Nederlands Deutsch English

1 - Il Castello di Casotto, dal cortile interno (2005)
1 - Il Castello di Casotto, dal cortile interno (2005)

Facile anello tra il bel Borgo di Valcasotto e il Castello Reale di Casotto, lungo semplici strade sterrate, mulattiere e brevissimi tratti di sentiero. A Valcasotto è possibile ammirare il Mulino Napoleonico, perfettamente ristrutturato come il resto del borgo, mentre merita decisamente una visita il Castello di Casotto, già Certosa, residenza di caccia estiva dei Reali di Savoia.
Il castello, acquistato dalla Regione Piemonte, è attualmente chiuso per lavori di restauro che sarebbero dovuti terminare nel 2011.

Itinerario ad anello
Da Valcasotto (966 m) a: Dislivello [m] Dislivello A/R [m] Tempo [h:mm] Tempo A/R [h:mm] Difficoltà Distanza [m]
Castello di Casotto (1089 m) +123/-0 - 0:40 - T (1) 2278
Borgata Le Surie (1215 m) +283/-34 - 1:35 - T (1) 5041
Valcasotto (966 m) +283/-283 - 2:15 - T (1) 7489
(1) E in caso di acqua abbondante nei guadi a valle del Castello.

Descrizione: Dalla piazza principale di Valcasotto si prosegue per un breve tratto sulla strada provinciale in direzione di Garessio. Alle ultime case del paese si scende sulla destra in direzione del cimitero (indicazioni escursionistiche per la borgata Tagliante), percorrendo la piccola stradina asfaltata fin nei pressi della Cappella di San Rocco 12. Presso la cappella, risalente al XIX secolo, si lascia a destra la sterrata che scende in direzione di Tagliante e si imbocca a sinistra la pista sterrata che passa a fianco dell’edificio religioso. In mezzo a boschi di latifoglie miste (castagno, frassino, faggio, nocciolo, betulla, acero, ...) e con percorso sostanzialmente pianeggiante, si raggiunge la Cascina del Seccatoio (attenzione ad un tratto spesso acquitrinoso nei pressi). Proseguendo in leggera salita, ed attraversato il Rio delle Gombe, si raggiunge la Correria. Tralasciata la non evidente deviazione a destra verso il vecchio portale dell'edificio, si continua sulla sterrata che aggira la Correria sulla sinistra. Arrivati su un ampio piazzale, si trascurano sia la strada asfaltata sulla sinistra che sale alla provinciale, sia la sterrata, chiusa da una sbarra, che scende dal fondo del piazzale sulla destra.
Oltre la sbarra, una pista sterrata scende ad attraversare su un ampio ponte in legno Canale del Gatto. Con una breve risalita, avendo l'accortezza di trascurare varie diramazioni che si staccano dalla pista, si passa ai piedi del castello e si giunge al bel viale alberato 8 che da accesso all'ingresso posteriore dell'edificio.
A sinistra di quest'ultima si trova invece la sterrata che, con una leggera salita attraverso uno splendido viale alberato 9, raggiunge in pochi minuti l'ingresso del castello 1.
Il Castello di Casotto
Il Castello di Casotto 234567 nasce in realtà come Certosa di Santa Maria, una tra le più antiche d'Italia. Da essa partirono alcuni monaci certosini per fondare, nel 1173, la forse più nota Certosa di Pesio. La fondazione della Certosa di Casotto è di difficile collocazione temporale, anche se documenti scritti ne attestano la presenza con certezza nel 1172. Già dal secolo precedente tuttavia eremiti e religiosi stazionarono nella valle ed eressero vari edifici, tra i quali la Correria e l'annessa cappella. Nei secoli successivi la certosa subì diversi danneggiamenti, più o meno gravi, a causa di incendi. Ricostruita alla fine del 1500 dopo il peggiore degli incendi subiti, dovette trascorrere quasi un secolo prima che i monaci potessero farvi ritorno. Agli inizi dell'800, a seguito dell'abolizione delle congregazioni religiose da parte di Napoleone, la Certosa vide il suo tramonto definitivo. Dopo alcuni decenni di saccheggi e abbandono, fu Carlo Alberto di Savoia ad acquistare l'immobile nel 1837 e ad iniziare la sua trasformazione in castello di caccia e residenza estiva. I lavori non interessarono però direttamente il monastero, del quale restano oggi solo poche rovine. Nel 1881 il castello venne ceduto a privati, passando poi in mano a vari proprietari e venendo anche utilizzato come base partigiana nel secondo conflitto mondiale. Attualmente è proprietà della Regione Piemonte che ne sta curando il restauro; è visitabile a pagamento.
[Cenni storici sul Castello di Casotto]
Tornati al piazzale a fianco della Correria, si imbocca ora a destra la strada asfaltata che sale alla strada provinciale soprastante. Percorse alcune decine di metri in discesa (sinistra), si prende la sterrata sulla destra in salita per la Colla di Pian del Bal (già segnavia C6). La strada spiana quasi subito; lasciata a destra una pista sterrata in salita, si prosegue dapprima in piano, poi in lieve salita tra dolci declivi prativi, fino alla Cascina La Grangia 101314, un tempo al servizio dei monaci certosini ed oggi in stato di abbandono. Al secondo tornante dopo la Cascina, si tralascia la sterrata sulla destra per la Colla di Pian del Bal, proseguendo a sinistra. Entrati nel bosco, dopo un tratto pianeggiante la pista si immette sulla comoda sterrata proveniente da Valcasotto. Si continua diritti, trascurando quasi subito una mulattiera che sale a destra e, poco oltre, il sentiero (palina) che scende a sinistra verso Valcasotto (utilizzato al rientro da Borgata Le Surie per chiudere l’anello). Passata un'ultima deviazione in salita sulla destra, si raggiunge la Borgata Le Surie, il cui nome è probabilmente dovuto alla sua ottima esposizione a solatio. In fondo alla borgata si trova la piccola Cappella di Sant'Anna e San Grato, del XVIII secolo 11.
Ritornati sui propri passi, si prende il sentiero in discesa (ora sulla destra) che attraversa un boschetto di faggi e castagni e torna sulla strada sterrata (in caso di problemi coi rovi che lo stanno invadendo, ci si puo' tenere sulla strada allungando il percorso di poco). Seguendola in discesa attraverso castagneti da frutto si raggiungono prima le Case Romagnoli quindi altre abitazioni. Qui si prosegue in discesa su asfalto fino alla Chiesa di San Ludovico a Valcasotto, datata 1666. Ancora una breve discesa e si giunge alla piazza principale del paese, punto d'inizio dell'itinerario, dove si può ammirare l'ottocentesco mulino ad acqua, interamente restaurato.

Carta schematica - Itinerario 03.03

Accessi: Da Torre Mondovì si prosegue per Pamparato, risalendo quindi la Valle Casotto fino all'abitato di Valcasotto. Verso la fine del paese, bisogna scendere sulla destra in direzione della borgata Tagliante. Si percorre la piccola stradina per alcune decine di metri fino ad una cappella e all'adiacente campetto da pallavolo, ove si lascia l'auto.
Note: Itinerario lungo antiche carrabili o strade sterrate. La presenza di alcuni guadi o di terreno acquitrinoso, nei periodi di maggior presenza di acqua, possono far diventare l'itinerario di tipo escursionistico (diff. E). Il castello è aperto con visite guidate a pagamento tutto l'anno.

Ultimo aggiornamento: Inverno 2013

13 - I ruderi di Cascina La Grangia (2010)
13 - I ruderi di Cascina La Grangia (2010)
9 - Il viale alberato che porta al Castello (2005)
9 - Il viale alberato che porta al Castello (2005)
2 - Il Castello di Casotto, dal cortile interno (2005)
2 - Il Castello di Casotto, dal cortile interno (2005)
3 - Camera da letto (2005)
3 - Camera da letto (2005)
6 - Cappella, particolare della volta (2005)
6 - Cappella, particolare della volta (2005)
5 - Cappella, particolare dell'altare (2005)
5 - Cappella, particolare dell'altare (2005)
7 - La Cucina conserva ancora le originali pentole in rame (2005)
7 - La Cucina conserva ancora le originali pentole in rame (2005)
4 - La Sala della Musica (2005)
4 - La Sala della Musica (2005)
8 - Il viale alberato che esce dal Castello in direzione della Colla di Casotto (2005)
8 - Il viale alberato che esce dal Castello in direzione della Colla di Casotto (2005)
11 - La Cappella di Sant'Anna e San Grato a Borgata Le Surie (2005)
11 - La Cappella di Sant'Anna e San Grato a Borgata Le Surie (2005)
12 - Un termine di confine (2005)
12 - Un termine di confine (2005)
14 - Pilastro che sorreggeva una volta a crociera a Cascina La Grangia (2010)
14 - Pilastro che sorreggeva una volta a crociera a Cascina La Grangia (2010)
10 - Cascina La Grangia (2005)
10 - Cascina La Grangia (2005)

Commenti all'itinerario 03.03:
RP
domenica 17 maggio 2009
[ 93.68.*.*]
Il Castello di Casotto è attualmente chiuso al pubblico per lavori di resaturo. Non riaprirà prima del 2011.
[Commenta l'itinerario]   [Inizio pagina] [Stampa] [Chiudi]  

Le informazioni contenute in questa scheda hanno carattere puramente indicativo.
Prima di incominciare l'escursione accertarsi delle effettive condizioni del percorso e delle condizioni meteo.
Copyright © Roberto Pockaj. Tutti i diritti riservati.
E' vietata la riproduzione anche parziale con qualunque mezzo salvo autorizzazione scritta dell'autore.
Valid HTML 4.01 Transitional Valid CSS!