Itinerario 17.09

17.09 Pian Muné - Laghi Luset

Pian Muné (1523 m) - Pian Croesio (1949 m) - Laghi Luset (2139 m)

+620 / -4

Dislivello [m]

2:10 - 2:30

Tempo [h:mm]

6585

Distanza [m]

T/E 

Difficoltà

Tipologia

Per quanto assolata, su terreno aperto e panoramica, la lunghissima strada sterrata che sale a Pian Croesio risulta piuttosto monotona. Tutto cambia con l'arrivo a Pian Croesio, sterminata colla prativa pianeggiante dove compare alla vista, quantomai vicino, il Monviso. La prosecuzione per i laghi avviene ancora su sterrato per un buon tratto, quindi su facile sentiero (solo un po' scarsa la segnaletica). Dei due laghi, il minore è prossimo all'interramento, mentre il maggiore offre rilassanti sponde prative perfette per la sosta pranzo.

Carta schematica - Itinerario 17.09


Mappa su base © OpenStreetMap contributors, SRTM; map style © OpenTopoMap - licenza CC-BY-SA

Profilo altimetrico - Itinerario 17.09
A Da Pian Muné (1523 m) a: Dislivello [m]
(andata e ritorno)
Tempo [h:mm]
(andata e ritorno)
Distanza [m]
(andata e ritorno)
Difficoltà Segnavia
B Pian Croesio (1949 m) +427 / -1
(+428 / -428)
1:25 - 1:35
(2:30 - 2:50)
4193
(8386)
T -
C Laghi Luset (2139 m) +620 / -4
(+624 / -624)
2:10 - 2:30
(3:55 - 4:25)
6585
(13170)
T/E -

Dal posteggio presso gli impianti di risalita di Pian Muné (1523 m) si imbocca la strada sterrata che sfila a sinistra del bar-rifugio.

La strada è molto lunga e costellata di numerosi bivi e biforcazioni; si sviluppa sempre su terreno aperto 1 e la mancanza di punti di riferimento non ne rende agevole la descrizione.

Dopo circa 500 metri si lascia a sinistra la diramazione (segnalata) per il Rifugio Bertorello e, poco oltre, si trascura anche la diramazione a destra (non segnalata) per le Grange di Pian Muné.
Passati tre tornanti (a quota 1600 circa) si ignora, a destra, una pista sterrata che conduce ancora alle Grange di Pian Muné; più in alto, quando la strada compie due tornanti sotto l'impianto della seggiovia (a quota 1695 circa), si lasciano a sinistra due diramazioni in successione, che si ricongiungono tra loro e si dirigono alle Meire della Ruinà.
Tralasciato qualche altro bivio minore e meno evidente, a quota 1845 circa inizia una serie di quattro tornanti ravvicinati (al primo si ignora una pista sterrata a sinistra), dopo i quali la strada si biforca: una sconnessa rampa a destra (sconsigliata) sale direttamente alla stazione di arrivo della seggiovia (trasformata in rifugio in estate), mentre la carrareccia principale continua innanzi.
Al successivo tornante, poco distante, si incontra un altro bivio: si trascura la diramazione che prosegue diritta per le Meire di Pian Croesio e si tiene la destra, tornando verso l'arrivo della seggiovia. Un ultimo cambio di direzione e un lungo traverso in salita permettono infine di giungere sul bellissimo Pian Croesio (1949 m, 1:25 - 1:35 ore da Pian Muné) 2, dove appare l'inconfondibile sagoma del Monviso 3 e una fontana offre un po' di refrigerio.

Pian Croesio è in effetti un'ampia sella prativa, che si apre tra la Testa di Garitta Nuova e la Testa della Sendua.

Sul pianoro si ignorano due piste sterrate: la prima a sinistra che si dirige verso la Testa di Garitta Nuova, la seconda a destra, che scende alle Meire del Chiot. Si prosegue invece sulla strada sterrata (qui inerbita) in direzione sud-ovest, con un piacevole falsopiano tra ontani e altri arbusti. Si passando a fianco di una piccola costruzione per la captazione idrica (fontana all'esterno) e, al successivo tornante, si incontra a sinistra un sentierino per i Laghi Luset.

Il sentierino, evidente all'inizio è segnato solo da piccoli ometti in pietra e tende poi a perdersi tra gli ontani. Visto il minimo tempo risparmiato, si consiglia di proseguire sulla strada come descritto nel seguito.

Senza curarsene, ci si tiene sulla strada fino al successivo bivio, dove si lascia innanzi il ramo diretto alle ormai vicine Meire dei Luset e si segue il ramo di sinistra.
La strada, ridotta a pista ad uso pastorale, guada agevolmente per due volte lo stesso rio, poi riceve da destra il sentierino prima menzionato. Qualche metro oltre, si abbandona la pista sterrata e si imbocca il sentiero a destra (palina, rotta alla data del rilevamento).
Piccolo, ma sempre evidente, il tracciato accentua un poco la pendenza e s'innalza tra erba, rododendri e roccette. Passato l'emissario, un lungo pratone quasi pianeggiante conduce sulle sponde del maggiore dei Laghi Luset (2139 m, 0:45 - 0:55 ore da Pian Croesio) 46.
Il minore dei due laghi 5, prossimo all'interramento, dista solo un centinaio di metri verso ovest (destra): si raggiunge per prati senza difficoltà.

Accessi

Da Saluzzo si risale la Valle Po fino a Paesana. Poco oltre il paese, sulla sinistra, si imbocca il bivio per Pian Muné. Si sale la lunga e tortuosa strada fino alla grosso posteggio alla partenza degli impianti di risalita di Pian Muné.

Note

--

Pernottamento

--

Cartografia

[Fra n.10] [AsF n.8] [IGC n.6]
I riferimenti dettagliati alle carte sono disponibili nella sezione Bibliografia.

Ultimo aggiornamento

Ultimo sopralluogo: Estate 2020

QR code

Inquadra il QR code con l'apposita App del tuo telefonino per essere indirizzato a questa pagina web.

QR Code - Itinerario 17.09

Non sono presenti commenti per questo itinerario.

Commenta l'itinerario 17.09

6 - Il maggiore dei due Laghi Luset (2020)
6 - Il maggiore dei due Laghi Luset (2020)
3 - Il Monviso da Pian Croesio (2020)
3 - Il Monviso da Pian Croesio (2020)
2 - Pian Croesio e, a sinistra, la Testa di Garitta Nuova (2020)
2 - Pian Croesio e, a sinistra, la Testa di Garitta Nuova (2020)
4 - Il maggiore dei Laghi Luset (2020)
4 - Il maggiore dei Laghi Luset (2020)
1 - Il bel panorama dalla strada sterrata per Pian Croesio (2020)
1 - Il bel panorama dalla strada sterrata per Pian Croesio (2020)
5 - Il minore dei due Laghi Luset, ormai quasi interrato (2020)
5 - Il minore dei due Laghi Luset, ormai quasi interrato (2020)
×