Itinerario 13.04

13.04 Cialancia - Cauri

Cialancia (1001 m) - Cauri (1337 m)

+425 / -89

Dislivello [m]

1:25 - 1:40

Tempo [h:mm]

3349

Distanza [m]

Difficoltà

Tipologia

Breve ma piacevolissima escursione fino alla borgata abbandonata di Cauri. L'ottima esposizione e la quota modesta ne fanno un itinerario ideale ad inizio primavera, allo sciogliersi della neve, o anche in autunno inoltrato. Alcuni brevissimi tratti del sentiero sono ridotti ad esile traccia su pendii scoscesi, prestare attenzione in caso di fondo scivoloso.
Purtroppo la splendida chiesetta all'ingresso della borgata, con i suoi caratteristici affreschi a tinte vivaci, non ha retto al trascorrere degli anni e al totale abbandono ed è crollata.

Profilo altimetrico - Itinerario 13.04
A Da Cialancia (1001 m) a: Dislivello [m]
(andata e ritorno)
Tempo [h:mm]
(andata e ritorno)
Distanza [m]
(andata e ritorno)
Difficoltà Segnavia
B Cauri (1337 m) +425 / -89
(+514 / -514)
1:25 - 1:40
(2:30 - 2:50)
3349
(6698)
E R11

Dal posteggio a valle di Cialancia (1001 m) si sale all'interno della borgata 12 lungo una ripida salita in pietre e cemento.
Al primo tornante verso sinistra si lascia a destra il sentiero per la borgata Grange (segnavia R20). Al successivo tornante, si lascia a sinistra (paline) il sentiero per il Pount de Rulavà e la borgata Colletto (o Culet) per la Vio di Mort.

Entrambe le diramazioni fanno parte del lungo itinerario denominato La Curnis invero non troppo frequentato e segnalato.

Raggiunte le ultime case, a fianco del forno, la salita in pietra e cemento termina e si svolta a sinistra (paline) sul sentiero per Cauri (segnavia R11).
Il comodo sentiero passa tra alcune case 3, lascia quasi subito un evidente sentiero a sinistra che ridiscende verso Cialancia, poi prosegue a mezzacosta tra vecchi terrazzamenti ricolonizzati dal bosco e castagneti. Lasciata una traccia che si stacca a sinistra, inizia una moderata ma costante salita 4 che porta prima a passare un impluvio, quindi a doppiare un costone.

Per lunghi tratti di questo itinerario, il sentiero è fiancheggiato, nel lato a valle, da rigogliose siepi di bosso 5.
Il bosso (Buxus semprevirens) 11 è un arbusto sempreverde assai longevo. in grado di vivere anche diverse centinaia di anni. Amante delle zone calde e dei suoli calcarei, viene spesso utilizzato per formare siepi. Il legno è talmente duro e pesante che talvolta non è nemmeno in grado di galleggiare in acqua. Viste le radici molto robuste ed estremamente ramificate, e visto l'ottimo habitat in questo versante della valle, è verosimilmente pensare che le lunghe siepi di bosso qui presenti siano state piantumate con la funzione di sostenere il sentiero, realizzato lungo un pendio abbastanza scosceso e non troppo stabile.

[Alberi e arbusti, pp.38-39] [-]

Si prosegue in falsopiano, poi in leggera discesa fino ad un bivio, ancora a sinistra, che si ignora.

Il bivio, indicato da un artigianale pezzo di stoffa rosso legato ad un albero e da un più convenzionale ometto in pietre, può trarre in inganno sulla via del ritorno, dal momento che l'evidente sentiero si stacca quasi parallelo al sentiero principale.

Passato il bivio, il sentiero s'innalza nuovamente per portarsi su un costone dal quale si aprono bei panorami sulla media Valle Grana. Oltre il crinale riprende il mezzacosta in leggero saliscendi; giunti ad un boschetto di faggio, il sentiero s'innalza improvvisamente a stretti tornanti, con pendenze sostenute, per valicare l'ennesimo costone presso una sorta di colletto 6, da dove la vista spazia ancora sulla valle.
Abbandonata la faggeta, ricomincia il mezzacosta in leggero saliscendi poi, con leggera ma costante discesa, si arriva ad un impluvio. Si guada il piccolo rio e, sul versante opposto, si percorrono le ultime decine di metri che separano dalla borgata Cauri (1337 m, 1:25 - 1:40 ore da Cialancia) 78 (alcuni piccoli cedimenti del terreno in questo ultimo tratto dell'itinerario, e lo stesso guado, rendono meno agevole percorso per brevissimi tratti).

All'ingresso della borgata, si è accolti da una chiesetta con un minuscolo campanile a vela. La data incisa su un cantonale fa risalire la sua costruzione al 1860. Fino a pochi anni fa, all'interno dell'edificio si potevano ammirare ancora parecchi dei numerosi affreschi che la ornavano 91012. Figure decisamente originali e colori vividi e vivaci costituivano un pregevole esempio di arte popolare. Il cedimento del tetto ha cancellato tutto, portandosi con se un altro piccolo pezzetto di storia. Anche altre case della borgata, tra quelle non ancora crollate, stanno iniziano a mostrare i primi evidenti segni di cedimento: si raccomanda pertanto di non avventurarsi in visite rischiose.

[-]

Presso la chiesetta si stacca a sinistra il sentiero per Croce e Colletto (segnavia R30), che si ignora.

Carta schematica - Itinerario 13.04

Scarica la traccia GPS in formato GPX

Mappa su base © OpenStreetMap contributors, SRTM; map style © OpenTopoMap - licenza CC-BY-SA

Accessi

Da Caraglio, si risale la Val Grana fino a Pradleves. Poco prima di uscire dalla borgata, si prende una piccola strada asfaltata sulla destra, in salita (indicazioni poco evidenti e solo escursionistiche). Dopo alcune centinaia di metri, si svolta a sinistra su un piccolo ponticello (cartello stradale) e si sale fino alla borgata Cialancia, ove ha termine la strada. Un piccolo posteggio all'ingresso della borgata consente di lasciare l'auto.

Note

--

Pernottamento

--

Cartografia

[Fra n.14] [IGC n.7]
I riferimenti dettagliati alle carte sono disponibili nella sezione Bibliografia.

Ultimo aggiornamento

Primavera 2014

QR code

Inquadra il QR code con l'apposita App del tuo telefonino per essere indirizzato a questa pagina web.

QR Code - Itinerario 13.04

klaud76

sabato 07 gennaio 2012

[ 79.54.*.*]

Escursione fatta il 6 gennaio 2012. Percorso semplice anche se abbastanza impegnativo nel tratto finale. Unica difficoltà, legata alla stagione, le tante foglie secche che rendono scivoloso il terreno. Nota dolente: la chiesetta a Cauri purtroppo è quasi completamente crollata!

Marcella 60

giovedì 04 luglio 2013

[ 109.55.*.*]

escursione fatta oggi 4 luglio 2013.non siamo riusciti ad arrivare a Cauri percorso ben segnalato alla partenza poi non ci sono più segnalazioni,abbiamo camminato per ben 2 ore abbondanti la borgata non l'abbiamo trovata.non ci è rimasto che ritornare indietro con un pò di amarezza.secondo me si dovrebbero mettere delle segnalazioni anche un pò più avanti dove ci sono altri sentierini che confondono il percorso Grazie!

RP

venerdì 02 maggio 2014

[ 79.0.*.*]

Oggi ho rifatto completamente la descrizione dell'itinerario, anche a seguito del commento di Marcella. Purtroppo sulla segnaletica orizzontale, abbastanza rada in effetti, io non posso farci nulla.

Commenta l'itinerario 13.04

2 - Borgata Cialancia (2007)
2 - Borgata Cialancia (2007)
7 - Cauri (2007)
7 - Cauri (2007)
3 - Il sentiero nei pressi della borgata Cialancia (2007)
3 - Il sentiero nei pressi della borgata Cialancia (2007)
4 - Uno scorcio dal sentiero (2007)
4 - Uno scorcio dal sentiero (2007)
9 - Chiesa di Cauri, particolare degli affreschi (2007)
9 - Chiesa di Cauri, particolare degli affreschi (2007)
1 - Borgata Cialancia (2007)
1 - Borgata Cialancia (2007)
11 - Bosso (<i>Buxus semprevirens</i>), foglie (2007)
11 - Bosso (Buxus semprevirens), foglie (2007)
6 - Panorama sulla Val Grana (2007)
6 - Panorama sulla Val Grana (2007)
8 - La bellissima Chiesa di Cauri, ora crollata (2007)
8 - La bellissima Chiesa di Cauri, ora crollata (2007)
5 - Per lunghi tratti, il sentiero è fiancheggiato da siepi di bosso (2007)
5 - Per lunghi tratti, il sentiero è fiancheggiato da siepi di bosso (2007)
12 - Chiesa di Cauri, particolare degli affreschi su una parete non ancora crollata (2013)
12 - Chiesa di Cauri, particolare degli affreschi su una parete non ancora crollata (2013)
10 - Chiesa di Cauri, particolare degli affreschi (2007)
10 - Chiesa di Cauri, particolare degli affreschi (2007)
×