Itinerario 13.10

13.10 Il Cammino di San Magno: Campomolino - Chiotti - Chiappi (Ruà) - Santuario di San Magno

Il Cammino di San Magno: Campomolino (1155 m) - Neirone inferiore (1283 m) - Neirone superiore (1340 m) - Cappella di San Bernardo da Mentone (1459 m) - Chiotti (1515 m) - Chiappi (Ruà) (1623 m) - Santuario di San Magno (1767 m)

+629 / -17

Dislivello [m]

2:05 - 2:20

Tempo [h:mm]

5530

Distanza [m]

Difficoltà

Tipologia

Il Cammino di San Magno è una piacevole escursione, non particolarmente impegnativa, che raggiunge il Santuario di San Magno da Campomolino. Durante il percorso si visitano le belle frazioni di Chiotti e Chiappi, con molte case ristrutturate, e si incontrano svariate cappelle. Oltre alla pregevole architettura del Santuario, che racchiude lo scrigno della cappela Allemandi, la giornata si può completare con il museo etnografico "Una casa per Narbona" a Campomolino e con il "Muzeou dal Travai d'isì" a Saret di Chiappi. L'eccessiva presenza di erba in diversi punti del tracciato ne consiglia la percorrenza a inizio primavera o in autunno.

Carta schematica - Itinerario 13.10


Mappa su base © OpenStreetMap contributors, SRTM; map style © OpenTopoMap - licenza CC-BY-SA

Profilo altimetrico - Itinerario 13.10
A Da Campomolino (1155 m) a: Dislivello [m]
(andata e ritorno)
Tempo [h:mm]
(andata e ritorno)
Distanza [m]
(andata e ritorno)
Difficoltà Segnavia
B Chiotti (1515 m) +366 / -6
(+372 / -372)
1:10 - 1:20
(2:05 - 2:20)
3064
(6128)
E =
C Chiappi Ruà (1623 m) +485 / -17
(+502 / -502)
1:40 - 1:55
(3:00 - 3:20)
4682
(9364)
E =
D Santuario di San Magno (1767 m) +629 / -17
(+646 / -646)
2:05 - 2:20
(3:40 - 4:10)
5530
(11060)
E =

Dal posteggio ai margini del paese di Campomolino (1515 m) si segue la viuzza 3 che costeggia la Chiesa dell'Assunta.
Appena fuori dalle case, l'asfalto termina e si continua su una vecchia mulattiera (ridotta ormai a sentiero) che si allunga nel solco vallivo in direzione sud-ovest. Tagliando a lungo ripidi pendii boscati, alto sul Torrente Grana, il sentiero raggiunge la borgata Negrone inferiore (1283 m).

Da Campomolino all'ancora lontano Pianoro delle Gravieres, sono molti i tratti dove la vegetazione erbacea, in estate, è particolarmente invadente e arriva ad ostacolare il cammino, a meno non si abbia la fortuna di passare poco dopo che il sentiero è stato decespugliato.

Alle poche case, una delle quali ancora utilizzata, giunge una pista carrabile inerbita. La si percorre per un centinaio di metri: al primo tornante si trascura il sentiero che continua diritto per Foresti e, subito dopo, si lascia la strada per imboccare un esile sentierino che si stacca a sinistra (ben individuabile finché resistono i due paletti segnavia installati per segnalare il tracciato).
Guadagnati alcuni metri di quota, il sentiero rientra nel bosco e riprende l'andamento a mezzacosta verso sud-ovest; raggiunti i resti di Neirone superiore (1340 m circa), con alcuni tornanti {IMGLNK}{/IMGLNK} si sale alla soprastante strada provinciale per il Santuario di San Magno.
Si attraversa la rotabile e si continua l'ascesa nel bosco: quasi subito si ritrova la strada asfaltata, e questa volta la si segue verso sinistra, in discesa, per alcune decine di metri. Si imbocca quindi, a destra della carreggiata, il sentiero che s'innalza abbastanza ripido e arriva alla graziosa Cappella di San Bernardo da Mentone (1459 m).
Si passa tra la cappella e la strada asfaltata, che qui viene soltanto lambita, e si continua innanzi. Il sentiero si biforca quasi subito: si prosegue a destra, su quel che resta di una mulattiera delimitata da muretti a secco.
La mulattiera passa un gias (ortiche...) e incrocia una stradina asfaltata; piegando a sinistra oltre l'asfalto, si raggiungono le case de Lou Pasquier, la regione più a valle della borgata Chiotti 5.

Se si va a sinistra sull'asfalto si può percorrere il sentiero per Foresti e, da lì, rientrare a Campomolino compiendo un anello.

Passando tra le case si arriva alla strada provinciale: sul lato opposto, poco a destra, una stradina asfaltata continua in salita fino al nucleo principale di Chiotti (1515 m, 1:10 - 1:20 ore da Campomolino).
Appena prima di entrare tra le case ben ristrutturate della borgata bisogna svoltare bruscamente a sinistra, su una bella mulattiera inerbita che porta alla Chiesa di Sant'Anna 6. La chiesa è raggiunta da monte da una breve sterrata che riporta, per l'ennesima volta, sulla strada provinciale.
Si va a destra e dopo circa 150 metri bisogna lasciare l'asfalto per proseguire su un sentiero (tutt'altro che evidente) che si tiene parallelo al margine sinistro della carreggiata. Arrivati ad uno slargo sterrato, non si torna sulla provinciale ma la si segue da vicino, sempre a fianco della carreggiata. Quando finalmente si allontana dalla strada, seppur di poco, il sentiero conduce all'ampio Pianoro delle Gravieres 7, servito da una strada sterrata.
La strada passa subito tra un pilone votivo con la statua di San Magno, a destra, e un ponte in cemento sul Torrente Grana, a sinistra. Attraversato l'intero pianoro, la strada diventa asfaltata e piega a destra (nord); dopo una breve salita si svolta ancora a destra e si arriva nel centro di Chiappi (0:30 - 0:35 ore da Chiotti), dove sgorga anche la fresca Fonte Digou.
Si supera la fonte e, subito dopo, si imbocca a sinistra una stradina asfaltata che sale alla Chiesa di San Sebastiano 8. A destra della chiesa si continua su una mulattiera inerbita che subito si biforca: ci si tiene a destra e si torna sulla provinciale. Sull'altro lato della strada, poco a sinistra, si prende il Viol Croso, camminamento selciato che porta verso Saret, la parte alta di Chiappi.
Prima di terminare il viottolo, si imbocca a destra un sentiero 9 che sale ad una pista sterrata. La si segue verso sinistra, raggiungendo in pochi metri l'asfalto ed un vicino albergo. Appena oltre la struttura ricettiva si svolta a destra su un sentiero che sale tra i prati, passa un piccolo rio, lambisce il grosso posteggio sterrato del santuario e si immette un'ultima volta sull'asfalto.
Andando a destra, ormai soltanto per qualche decina di metri, si arriva al Santuario di San Magno (1767 m, 0:25 ore da Chiappi) 12.

Accessi

Da Caraglio, si risale la Val Grana fino a Campomolino. All'ingresso in paese si trova un posteggio per una decina di autovetture.

Note

Il sentiero, alla data del rilevamento, non risultava inserito nel catasto regionale, quindi non disponeva del codice segnavia. Buona invece la segnaletica locale del Cammino di San Magno con il logo stilizzato del santuario.
Durante il rilievo (inizio giugno) si è purtroppo riscontrata la presenza davvero eccessiva di erba in diversi tratti del sentiero, che il solo passaggio degli escursionisti non riesce a contenere: sarebbero necessari interventi di pulizia decisamente più frequenti tra la fine primavera e l'estate.

Pernottamento

--

Cartografia

[Fra n.14] [AsF n.7] [IGC n.7]
I riferimenti dettagliati alle carte sono disponibili nella sezione Bibliografia.

Ultimo aggiornamento

Ultimo sopralluogo: Primavera 2021

[Ultimo aggiornamento scheda: Autunno 2021]

QR code

Inquadra il QR code con l'apposita App del tuo telefonino per essere indirizzato a questa pagina web.

QR Code - Itinerario 13.10

Non sono presenti commenti per questo itinerario.

Commenta l'itinerario 13.10

2 - Il porticato del Santuario di San Magno (2012)
2 - Il porticato del Santuario di San Magno (2012)
1 - Il Santuario di San Magno (2012)
1 - Il Santuario di San Magno (2012)
7 - Il Pianoro delle Gravieres (2021)
7 - Il Pianoro delle Gravieres (2021)
6 - La Chiesa di Sant'Anna a Chiotti (2021)
6 - La Chiesa di Sant'Anna a Chiotti (2021)
9 - Abitazione a Chiappi, a fianco dell'ultimo tratto del sentiero (2021)
9 - Abitazione a Chiappi, a fianco dell'ultimo tratto del sentiero (2021)
4 - Sul sentiero nei pressi di Neirone superiore (2021)
4 - Sul sentiero nei pressi di Neirone superiore (2021)
5 - Il segnavia del Cammino di San Magno (2021)
5 - Il segnavia del Cammino di San Magno (2021)
8 - La Chiesa di San Sebastiano a Chiappi (2021)
8 - La Chiesa di San Sebastiano a Chiappi (2021)
3 - La viuzza che porta alla Chiesa dell'Assunta a Campomolino (2021)
3 - La viuzza che porta alla Chiesa dell'Assunta a Campomolino (2021)