Itinerario 19.03

19.03 Baisse de Peïrefique - Colle Ovest del Sabbione - Lago della Vacca

Baisse de Peïrefique (2036 m) - Baisse de Barchenzane (2075 m) - Replat du Sabion (2232 m) - Colle Ovest del Sabbione (2328 m) - Lago della Vacca (2260 m)

+338 / -114

Dislivello [m]

1:40 - 1:50

Tempo [h:mm]

5377

Distanza [m]

Difficoltà

Tipologia

E' la via di accesso più agevole al Colle del Sabbione ed al Lago della Vacca, anche se richiede un lungo spostamento in auto. Bellissimi i panorami che si hanno sul sottostante Vallon de Valmasque e decisamente ameno lo spettacolo offerto dal Replat du Sabion.

Profilo altimetrico - Itinerario 19.03
A Da Baisse de Peïrefique (2036 m) a: Dislivello [m]
(andata e ritorno)
Tempo [h:mm]
(andata e ritorno)
Distanza [m]
(andata e ritorno)
Difficoltà Segnavia
B Baisse de Barchenzane (2075 m) +41 / -2
(+43 / -43)
0:15 - 0:20
(0:30 - 0:35)
1041
(2082)
T =
C Replat du Sabion (2232 m) +242 / -46
(+288 / -288)
1:15 - 1:25
(2:20 - 2:35)
4253
(8506)
T =
D Colle Ovest del Sabbione (2328 m) +338 / -46
(+384 / -384)
1:35 - 1:45
(2:50 - 3:15)
5080
(10160)
T =
E Lago della Vacca (2260 m) +338 / -114
(+452 / -452)
1:40 - 1:50
(3:05 - 3:35)
5377
(10754)
E M05

Sul lato nord-ovest della spianata della Baisse de Peïrefique (2036 m) 15, si stacca un sentiero in leggera salita che si addentra in un bel lariceto. Con un piacevole traverso, in poco tempo si raggiunge la piccola sella prativa della Baisse de Barchenzane (2075 m, 0:15 - 0:20 ore dalla Baisse de Peïrefique).
Qui si ignora a destra il bivio per i Lacs de Peïrefique. e si comincia un lunghissimo mezzacosta 6, in leggera ma costante salita (interrotta ogni tanto da alcuni saliscendi), che termina nei pressi di tre grosse trune in pietra 7. Lasciate a sinistra le trune, il sentiero piega a nord-ovest ed entra nella splendida conca pascoliva del Replat du Sabion (2232 m, 1:00 - 1:05 ore dalla Baisse de Barchenzane), punteggiata da alcuni laghetti.

Alcuni dei piccoli specchi d'acqua tendono a prosciugarsi con l'avanzare della stagione estiva, tranne uno poco a destra del sentiero.

Il percorso, segnato da pietre infisse nel prato 2, stacca a sinistra una via diretta per il Colle ovest del Sabbione e, poco oltre, sulla destra e meno evidente, la diramazione per il Colle est del Sabbione. Il tracciato principale, meno ripido, compie invece un ampio semicerchio verso sinistra e conduce egualmente al Colle Ovest del Sabbione (2328 m, 0:20 ore dal Replat du Sabion) 10.

La Bassa di Peirafica ed il meno agevole Colle del Sabbione, in territorio italiano fino al Trattato di Parigi del 1947, erano difesi dal XII Caposaldo del Sottosettore II/A del Vallo Alpino. Questo itinerario attraversa di fatto l'intero caposaldo, posto lungo la II linea difensiva dell'Alta Valle Roya. Imponente lo schieramento di opere che si incontra alla partenza dell'itinerario, che doveva sbarrare la Bassa di Peirafica anche ad eventuali attacchi portati con mezzi corazzati.
Sul versante (ora) francese del Colle del Sabbione si incontrano l'Opera 269 A 38 (nei pressi del colle ovest) e l'Opera 269 B (nei pressi del colle est). Entrambe le opere risultano incompiute, così come quasi tutte le altre opere del caposaldo.
Nella discesa verso il Lago della Vacca, invece, si incontra la Caverna Ricovero Colle del Sabbione, ancora in buone condizioni, interamente scavata nella roccia con pianta ad "U" e due ingressi, cui erano asserviti due piccoli edifici esterni, ubicati poco più in basso, il locale cucina e il locale lavatoi e latrine.

[Fortificazioni Valle Gesso, pp.53-63]

Ignorato il sentiero a sinistra (segnavia M23B) per il Colle del Vei del Bouc, si scende sul versante italiano del valico con numerosi stretti tornanti (segnavia M05). Bastano pochi minuti per raggiungere prima il piccolo Bivacco Speranza (2268 m) 11, ricavato da un vecchio edificio militare, quindi il Lago della Vacca (2260 m, 0:05 ore dal Colle Ovest del Sabbione) 4.

Inaugurato il 13 Agosto 2017, il bivacco è stato voluto e realizzato dal signor Giuseppe Bosio, 75 anni, con alcuni amici. È stato ricavato dal locale cucina asservito alla vicina Caverna Ricovero del Sabbione; il nome deriva dalla 'speranza', quasi un augurio da parte di chi ha contribuito all'opera, che il bivacco non venga abbandonato e che al contrario possa essere tenuto sempre in buona efficienza.

[-]

Carta schematica - Itinerario 19.03

Scarica la traccia GPS in formato GPX

Mappa su base © OpenStreetMap contributors, SRTM; map style © OpenTopoMap - licenza CC-BY-SA

Accessi

Da Borgo San Dalmazzo si risale la Valle Vermenagna in direzione di Limone Piemonte. Prima di raggiungere il traforo di Tenda si svolta a destra per Limone 1400 (Panice soprana). Qui si prosegue per il Colle di Tenda, con numerosi tornanti, lungo la strada in uso fino alla realizzazione del traforo, asfaltata solo fino al valico. Giunti al Colle di Tenda, si evita di scendere a sinistra con stretti tornanti sul versante francese del valico per tenersi invece sulla sterrata di destra (indicazioni per Casterino). Da questo momento non si incontrano più bivi di rilievo, ma il transito è consigliato a vetture 4x4 o perlomeno sufficientemente alte da terra. La rotabile ex-militare passa quasi subito a fianco del Fort de la Marguerie, quindi traversa in costa con alcuni saliscendi per diversi chilometri fino a raggiungere l'ampio valico pascolivo della Baisse de Peïrefique. Ampi spazi per posteggiare ai margini della carreggiata.

Note

--

Pernottamento

--

Cartografia

[IGN n.3841OT] [AsF n.4] [Blu n.1] [IGC n.114] [IGC n.8]
I riferimenti dettagliati alle carte sono disponibili nella sezione Bibliografia.

Ultimo aggiornamento

Estate 2017

QR code

Inquadra il QR code con l'apposita App del tuo telefonino per essere indirizzato a questa pagina web.

QR Code - Itinerario 19.03

Non sono presenti commenti per questo itinerario.

Commenta l'itinerario 19.03

1 - La Baisse de Peïrefique, con la Rocca dell'Abisso sullo sfondo a destra (2009)
1 - La Baisse de Peïrefique, con la Rocca dell'Abisso sullo sfondo a destra (2009)
3 - Stambecchi sull'estradosso dell'Opera 269 A (2009)
3 - Stambecchi sull'estradosso dell'Opera 269 A (2009)
2 - La mulattiera che attraversa il Replat du Sabion (2009)
2 - La mulattiera che attraversa il Replat du Sabion (2009)
10 - Il Lago della Vacca dal Colle ovest del Sabbione (2011)
10 - Il Lago della Vacca dal Colle ovest del Sabbione (2011)
4 - Il Lago della Vacca (2009)
4 - Il Lago della Vacca (2009)
5 - Mucche al pascolo alla Baisse de Peïrefique (2009)
5 - Mucche al pascolo alla Baisse de Peïrefique (2009)
9 - Un malloppo del Centro 263bis-264-265 alla Baisse de Peïrefique (2009)
9 - Un malloppo del Centro 263bis-264-265 alla Baisse de Peïrefique (2009)
6 - Panorama sul Vallon de Valmasque dal sentiero per il Colle del Sabbione (2009)
6 - Panorama sul Vallon de Valmasque dal sentiero per il Colle del Sabbione (2009)
8 - Sacchi di cemento pietrificati nei pressi dell'Opera 269 A (2009)
8 - Sacchi di cemento pietrificati nei pressi dell'Opera 269 A (2009)
11 - Il Bivacco Speranza (2017)
11 - Il Bivacco Speranza (2017)
7 - Le trune all'imbocco del Replat du Sabion (2009)
7 - Le trune all'imbocco del Replat du Sabion (2009)
×