Itinerario 19.07

19.07 bivio a monte di Casterino - Lac Vert - Refuge de Valmasque

bivio a monte di Casterino (1719 m) - bivio per il Lac de l'Agnel (1844 m) - Lac Vert (2221 m) - Refuge de Valmasque (2233 m)

+539 / -25

Dislivello [m]

2:00 - 2:15

Tempo [h:mm]

5842

Distanza [m]

Difficoltà

Tipologia

Escursione semplice ma alquanto appagante, nonostante si svolga per metà lungo una vecchia rotabile ex-militare. Il Vallon de Valmasque è un luogo decisamente ameno, a discapito del toponimo: alla stretta e incassata forra iniziale seguono ampi pianori e radure, lariceti, ruscelli e cascate. Il Refuge de Valmasque, meta dell'itinerario, offre una splendida terrazza affacciata sul Lac Vert. Ottima in estate (la prima parte del tracciato è in ombra), è durante l'autunno che la Valmasque offre il meglio di sé, quando i larici colorano d'oro tutto il vallone.

Profilo altimetrico - Itinerario 19.07
A Da bivio a monte di Casterino (1719 m) a: Dislivello [m]
(andata e ritorno)
Tempo [h:mm]
(andata e ritorno)
Distanza [m]
(andata e ritorno)
Difficoltà Segnavia
B bivio per il Lac de l'Agnel (1844 m) +125 / -0
(+125 / -125)
0:30 - 0:35
(1:00 - 1:05)
1790
(3580)
T =
C Lac Vert (2221 m) +521 / -19
(+540 / -540)
1:55 - 2:10
(3:25 - 3:55)
5701
(11402)
E =
D Refuge de Valmasque (2233 m) +539 / -25
(+564 / -546)
2:00 - 2:15
(3:35 - 4:00)
5842
(11684)
E =

Al bivio a monte di Casterino (1719 m), lasciata a destra la strada asfaltata per la Baisse di Peïrefique e il Colle di Tenda, si imbocca a sinistra la vecchia sterrata ex militare (chiusa al traffico veicolare privato) che entra nel Parc National du Mercantour e si insinua nel Vallon de Valmasque 1. La rotabile taglia in leggera salita ripide pareti rocciose all'interno di una stretta gola, tenendosi alta sul sottostante Ruisseau de Valmasque.
Dopo quasi due chilometri, si incontra a destra il bivio per il Lac de l'Agnel (1844 m circa, 0:30 - 0:35 ore dal bivio a monte di Casterino): si ignora il sentiero e si prosegue lungo la sterrata.
Il vallone incomincia a farsi più ampio e, percorso un altro chilometro abbondante, presso due grosse rocce a dorso di cetaceo 23 si trascura a destra anche il bivio per la Vacherie de Valmasque, situata appena al di là del torrente e raggiunta da una mulattiera inizialmente non troppo evidente.
Poco oltre (palina) si abbandona la rotabile 14 per il sentiero che si stacca a sinistra e s'innalza brevemente con qualche svolta. Attraversato su ponticello un affluente del Ruisseau de Valmasque, si entra in un pianoro e lo si percorre tenendosi a poca distanza dal corso d'acqua, sulla destra orografica 413. Quando il sentiero piega a sinistra, allontanandosi dal torrente, riprende a salire con qualche svolta tra rocce e radi larici; giunti ad un bivio, si segue la diramazione di sinistra e, con breve ma ripida salita, si entra in un ameno pianoro di erba e massi sparsi 1112: a destra, in lontananza, una cascata scende in uno stretto intaglio nella parete rocciosa 5, mentre il sentiero punta all'altra cascata che ci si trova proprio innanzi 6.

Anche tenendosi a destra al bivio si raggiunge egualmente il Refuge de Valmasque: le due diramazioni si ricongiungono in circa 400 metri.

Piegando a destra, con una passerella si oltrepassa il rio proprio ai piedi della cascata e si torna sulla vecchia rotabile sterrata, in corrispondenza di un tornante.

Da qui in avanti il sentiero incrocia più volte tratti della strada ex-militare. Pur senza aver rinvenuto documentazione storica in proposito, pare che questo tratto della rotabile sia rimasto incompiuto, e che all'epoca fossero stati realizzati solo i tornanti e i ponti. La cosa non deve stupire, dal momento che era prassi comune, dopo aver picchettato il tracciato, iniziare i lavori proprio dalle parti più complesse, le cosiddette opere d'arte.

Si percorrono solo pochi metri della strada, si ignora il sentiero che si stacca a destra (arrivo della variante sopra citata) e, subito dopo, si prende il sentiero a sinistra. Il sentiero risale a fianco della cascata 10, quindi traversa verso destra (ovest) e si trasforma in ottima mulattiera dal fondo selciato.
La mulattiera rimonta a stretti tornanti una bastionata rocciosa poi riprende il traverso, ora in direzione nord, fino ad un bivio: abbandonata la mulattiera che prosegue diritta per la Baisse de Valmasque, si imbocca il sentiero a destra in lieve discesa. Con leggero saliscendi, il sentiero serpeggia tra rocce montonate, alcuni ruderi e qualche sparuto larice; lasciata a sinistra la scorciatoia per la Baisse de Valmasque (per chi parte dal vicino rifugio), ci si trova ormai a pochi metri dalle sponde del Lac Vert (2221 m, 1:25 - 1:35 ore dal bivio per il Lac de l'Agnel) 7, bellissimo specchio d'acqua chiuso da una piccola diga 8, costruita quando questi territori appartenevano ancora all'Italia.
Il sentiero scende brevemente ai piedi della diga (è vietato attraversarne il coronamento) e risale, sul lato opposto, il dosso roccioso ove sorge il Refuge de Valmasque (2233 m, 0:05 ore dal Lac Vert) 9.

Una leggenda, ripresa da Bernardini, racconta della strega Ravelli di Pavia, insediatasi alla sorgente della Valmasca. Ogni anno ella sacrificava nel lago (già Lago del Diavolo) quattro montoni che le venivano offerti dai pastori di Tenda, per proteggersi dai malefici. Un bel giorno la strega scomparve, ma ogni volta che i pastori salivano gli armenti in valle accadevano le disgrazie più tremende. Sette monaci allora decisero di inoltrarsi nella valle, riuscendo alfine a individuare la spelonca nella quale visse la strega e a bruciare strumenti e libri del male.
Improvvisamente il cielo si oscurò di corvi con potere di dèmoni ed i monaci, saliti sulla vetta del Monte Bego, chiesero al Signore di proteggerli. Il Signore li esaudì, trasformando i corvi in larici.

[Le Alpi Marittime e le Meraviglie, pp.278-279]

Carta schematica - Itinerario 19.07

Scarica la traccia GPS in formato GPX

Mappa su base © OpenStreetMap contributors, SRTM; map style © OpenTopoMap - licenza CC-BY-SA

Accessi

Da Borgo San Dalmazzo si risale la Valle Vermenagna fino al traforo del Colle di Tenda. Si scende quindi in Valle Roya fino a Saint Dalmas de Tende, dove si svolta a destra per Les Mesches e Casterino. Giunti a Casterino si prosegue in direzione della Baisse di Peïrefique fino al bivio a quota 1719, nei pressi del quale è possibile posteggiare. In alternativa, Saint Dalmas de Tende può essere raggiunto da Ventimiglia.

Note

--

Pernottamento

--

Cartografia

[IGN n.3841OT] [AsF n.4] [IGC n.114] [IGC n.8]
I riferimenti dettagliati alle carte sono disponibili nella sezione Bibliografia.

Ultimo aggiornamento

Estate 2017

QR code

Inquadra il QR code con l'apposita App del tuo telefonino per essere indirizzato a questa pagina web.

QR Code - Itinerario 19.07

Non sono presenti commenti per questo itinerario.

Commenta l'itinerario 19.07

3 - La Vacherie de Valmasque (2013)
3 - La Vacherie de Valmasque (2013)
4 - Il Riou de Valmasque (2013)
4 - Il Riou de Valmasque (2013)
7 - Il Lac Vert e il Refuge de Valmasque (2013)
7 - Il Lac Vert e il Refuge de Valmasque (2013)
14 - Lungo la rotabile ex militare in mezzo al lariceto (2013)
14 - Lungo la rotabile ex militare in mezzo al lariceto (2013)
2 - Le rocce montonate nei pressi del bivio per la Vacherie de Valmasque (2013)
2 - Le rocce montonate nei pressi del bivio per la Vacherie de Valmasque (2013)
6 - La cascata che si incontra lungo il sentiero (2013)
6 - La cascata che si incontra lungo il sentiero (2013)
11 - Larici nel Vallon de Valmasque (2013)
11 - Larici nel Vallon de Valmasque (2013)
1 - La rotabile ex militare che si addentra nel Vallon de Valmasque (2009)
1 - La rotabile ex militare che si addentra nel Vallon de Valmasque (2009)
5 - Rocce e larici (2013)
5 - Rocce e larici (2013)
10 - Larici e mirtilli (2013)
10 - Larici e mirtilli (2013)
13 - Larice con la colorazione autunnale a fianco del Riou de Valmasque (2013)
13 - Larice con la colorazione autunnale a fianco del Riou de Valmasque (2013)
12 - Mirtilli con la colorazione rossa autunnale (2013)
12 - Mirtilli con la colorazione rossa autunnale (2013)
8 - La piccola diga che sbarra il Lac Vert (2013)
8 - La piccola diga che sbarra il Lac Vert (2013)
9 - Il Refuge de Valmasque (2013)
9 - Il Refuge de Valmasque (2013)
×