Itinerario 15.15

15.15 Genzana - Monte Peyron - Chianale

Genzana (1649 m) - Colle del Rastel (2377 m) - Monte Peyron (2406 m) - Chianale (1810 m)

+758 / -656

Dislivello [m]

4:45

Tempo [h:mm]

-

Distanza [m]

Difficoltà

Tipologia

Anche se con con qualche problema nel rintracciare il percorso, questo itinerario poco frequentato riserva inaspettate sorprese: prima fra tutte il Monte Peyron, vero terrazzo panoramico sull'alta Valle Varaita e sul Monviso.

A Da Genzana (1649 m) a: Dislivello [m] Tempo [h:mm] Distanza [m] Difficoltà Segnavia
B Colle del Rastel (2377 m) +728 / -0 2:45 - E -
C Chianale (1810 m) +758 / -656 4:45 - E -

Dopo alcuni metri su asfalto a fianco ad alcune abitazioni, la strada diventa subito sterrata e scende ad attraversare il Torrente Fiutrusa su ponte in cemento. Oltre il ponte, un'ampia ma assai ripida mulattiera (segnavia U15) sale lungo il versante opposto 1 fino ad incontrare il bivio sulla destra per Chianale (segnavia U70), che si trascura. La mulattiera spiana, diventa sentiero, e taglia in costa i pendii a picco sul sottostante Torrente Fiutrusa 2, tra prati e radi larici. Passati a valle delle dirute Grange Barbella, si prosegue il mezzacosta in leggera salita fino a raggiungere le Grange dei Russi, ormai in prossimità del fondo idrico del vallone. Trascurando la traccia che sale a destra alle grange, si attraversa il torrente e ci si porta sulla destra orografica del vallone. Inizia ora una breve ma ripida salita con stretti tornanti, quindi si aggira su traccia verso monte un tratto di sentiero franato, si passa un rio ed infine ci si reimmette sul sentiero. Incontrato un bivio, si trascura la diramazione di sinistra per proseguire dritti in falsopiano lungo il percorso meno battuto 3. Si torna sul fondo idrico del vallone, attraversando nuovamente il torrente con un guado un po' ostico in presenza di molta acqua. Oltre il torrente si incontra quasi subito un bivio a sinistra per il Passo di Fiutrusa (segnavia U15) e per il Colle del Bondormir (segnavia U16), a destra per il Colle del Rastel (segnavia U57). Dopo il guado di un altro piccolo affluente, si devono trascurare le molte tracce lasciate dagli animali al pascolo e salire su traccia poco evidente in direzione N. La traccia sale decisa lungo pendii erbosi, tra erba e roccette affioranti, fino a ritrovare un evidente sentiero più in quota.

In questo tratto di salita risulta difficoltoso seguire il sentiero, sia per la presenza di numerose tracce lasciate dagli animali al pascolo, sia perchè le tacche segnavia bianco/rosse sono state in parte coperte con vernice rossa. Sulle rocce si trovano anche numerose scritte come "Danger", "Privato" o "Pericolo", oltre a parecchie frecce rosse assortite. Se lo scopo di tutto ciò è evitare agli escursionisti di calpestare i pascoli, la confusione creata produce probabilmente l'esatto contrario di quanto sperato.

Il sentiero traversa per breve tratto pendii pascolivi, quindi riprende una ripida salita a tornanti (il sentiero risulta parzialmente danneggiato dal passaggio delle mandrie). Terminati i tornanti, si continua a salire decisi su traccia 4, puntando alla base delle propaggini rocciose di Monte Peyron; qui il sentiero traversa verso NO per pascoli e, con un ultimo tornante verso destra (trascurare la traccia che si stracca sulla sinistra), raggiunge il Colle del Rastel 5. Dal colle è assolutamente consigliata una breve deviazione verso destra (E) lungo la cresta erbosa per raggiungere, in pochi minuti, la panoramica vetta del Monte Peyron 67, da dove la vista spazia sul Monviso e sull'alta Valle Varaita.
Tornati al colle, si imbocca il sentiero che divalla sul versante opposto in direzione NO 8. Con un lungo traverso a mezzacosta in leggera discesa il sentiero passa due impluvi (il Cumbal Cialvet e il Cumbal Cugn Lung) ed entra in un lariceto, dove spiana. Un tratto tra ontani e salici prelude ad un altro impluvio (il Cumbal del Brous) e ad una breve risalita per superare un costone. Ripresa la discesa nel lariceto, ora abbastanza ripida ma su buon sentiero, si passa a fianco di un grosso masso liscio sul quale si trovano coppelle ed altre incisioni di varie epoche 9. Passato l'ennesimo rio e tornati tra i pascoli, non lontano da una grangia recentemente ristrutturata il sentiero si biforca. Si segue il ramo di destra 10, costeggiando un minuscolo ma pittoresco Laghetto q.2180 circa 11 prima di immettersi su una mulattiera recentemente ampliata. Con una infinita serie di ripidi tornanti in un fitto lariceto la mulattiera perde velocemente quota e termina in una carrareccia sterrata ormai in prossimità del fondovalle 12. Quasi subito si raggiunge anche una strada asfaltata (bivio a sinistra per il Col Longet e il Colle di Saint Veran) che si percorre verso destra in discesa fino al ponte sul Torrente Varaita ed alla statale del Colle dell'Agnello, dove ha termine l'itinerario.

Carta schematica - Itinerario 15.15

Mappa su base CTR Piemonte

Accessi

Da Costigliole Saluzzo si risale la Valle Varaita fino a Pontechianale, da dove si prosegue in direzione di Chianale fino alla frazione Genzana. Ai margini della piccola borgata, lungo la strada statale, si trova uno slargo ove lasciare l'auto. Il sentiero ha inizio sul lato sinistro della statale, in corrispondenza della curva verso destra che questa compie all'altezza della fraz. Genzana.

Note

Causa eventi alluvionali che hanno colpito la Provincia di Cuneo nel Giugno 2008, gli attraversamenti dei vari corsi d'acqua, possono creare qualche problema. In particolare, alla data del rilevamento, risultava abbastnza difficoltoso il passaggio del Torrente Fiutrusa poco prima del bivio U15-U16/U57, soprattutto a causa dell'abbondante acqua presente.
E' ragionevole pensare ad un ripristino del sentiero in prossimità degli impluvi con eventuale posa di passerelle.

Pernottamento

--

Cartografia

--

Ultimo aggiornamento

Estate 2008

QR code

Inquadra il QR code con l'apposita App del tuo telefonino per essere indirizzato a questa pagina web.

QR Code - Itinerario 15.15

anonimo

martedì 18 agosto 2009

[ 213.144.*.*]

Verissima la parte sulle scritte danger, pericolo e frecce dappertutto... non sapevo più dove andare... poi c'era un margaro che ha messo cavi elettrici per mucche sul sentiero... stava lì e mi guardava... bah... comunque alla fine sono arrivato al colle... ciao ciao

anonimo2

venerdì 19 agosto 2011

[ 79.11.*.*]

è stato difficile seguire il sentiero in alcuni punti, ma si arriva su senza grossi problemi.

Silvio

martedì 19 giugno 2012

[ 95.252.*.*]

Bella gita, primo tentativo ottobre 2011, partiti da Chianale, fallito per non aver trovato il sentiero per il colle, cambio programma per il Tour Real, secondo tentativo 16/06/2012 partiti da Pontechianale anche noi problemi con un margaro, eravamo chiaramente un fastidio, attraversato il torrente Fiutrusa, impossibile identificare il sentiero nella prima parte, la parte finale è un pochino meglio. Il giro e bello, ma!! silvio ed amici

Commenta l'itinerario 15.15

6 - Il magnifico panorama che si gode dalla vetta del Monte Peyron: a sinistra il Monviso, a destra in basso il Lago di Castello (2008)
6 - Il magnifico panorama che si gode dalla vetta del Monte Peyron: a sinistra il Monviso, a destra in basso il Lago di Castello (2008)
10 - Il Monviso fa da sfondo a lariceti e pascoli (2008)
10 - Il Monviso fa da sfondo a lariceti e pascoli (2008)
5 - Al Colle del Rastel (2008)
5 - Al Colle del Rastel (2008)
12 - La prativa Costa Losa, sulla destra, lascia solo intravvedere il Vallone di Saint Veran (2008)
12 - La prativa Costa Losa, sulla destra, lascia solo intravvedere il Vallone di Saint Veran (2008)
4 - La testata del Vallone di Fiutrusa chiusa dall'imponente sagoma del Monte Ferra (2008)
4 - La testata del Vallone di Fiutrusa chiusa dall'imponente sagoma del Monte Ferra (2008)
1 - Pontechianale e il Lago di Castello (2008)
1 - Pontechianale e il Lago di Castello (2008)
7 - <i>Biscutella laevigata</i> (2008)
7 - Biscutella laevigata (2008)
3 - Grangia Candia, sulle pendici del Monte Peyron (2008)
3 - Grangia Candia, sulle pendici del Monte Peyron (2008)
9 - Incisioni rupestri (2008)
9 - Incisioni rupestri (2008)
8 - Mucca al pascolo incuriosita dall'escursionista... (2008)
8 - Mucca al pascolo incuriosita dall'escursionista... (2008)
2 - Il tratto a mezzacosta nel Vallone di Fiutrusa (2008)
2 - Il tratto a mezzacosta nel Vallone di Fiutrusa (2008)
11 - Il minuscolo laghetto che si incontra prima della discesa su Chianale (2008)
11 - Il minuscolo laghetto che si incontra prima della discesa su Chianale (2008)
×