Itinerario 07.16

07.16 Le Meschie - Sella Morteis - Monte Besimauda (Bisalta) - Pradeboni, loc. Le Meschie

Le Meschie (1090 m) - Sella Morteis (1450 m) - Gias Pravinè soprano (1819 m) - Monte Besimauda (Bisalta) (2231 m) - Gias Pravinè di mezzo (1687 m) - Sella Morteis (1450 m) - Pradeboni, loc. Le Meschie (1090 m)

+1300 / -1300

Dislivello [m]

6:05 - 6:55

Tempo [h:mm]

12620

Distanza [m]

EE 

Difficoltà

Tipologia

Classica via di salita al Monte Besimauda, ben più noto semplicemente come Bisalta. Due terzi del percorso si svolgono su strade sterrate o sentieri, spesso con notevole pendenza. La parte finale tuttavia è una lunga e assai ripida ascesa lungo una colata di massi e detriti, in assenza di sentiero, guidati solo dalle tacche segnavia. Notevole il panorama dalla vetta, che spazia dalla pianura, alle Alpi Marittime e alle Alpi Liguri. Il rientro può avvenire compiendo un lungo anello sul Gias Pravinè di mezzo.

Profilo altimetrico - Itinerario 07.16
A Da Le Meschie (1090 m) a: Dislivello [m] Tempo [h:mm] Distanza [m] Difficoltà Segnavia
B Sella Morteis (1450 m) +309 / -0 1:05 - 1:10 1713 E H09
C Gias Pravinè soprano (1819 m) +665 / -0 2:10 - 2:25 3832 E H09
D Monte Besimauda (Bisalta) (2231 m) +1141 / -0 3:10 - 3:35 5185 EE H09
E Gias Pravinè di mezzo (1687 m) +1288 / -691 4:55 - 5:35 8666 EE (1) L17 » H17
F Sella Morteis (1450 m) +1300 / -940 5:40 - 6:15 10907 EE (1) = » H09
G Le Meschie (1090 m) +1300 / -1300 6:05 - 6:55 12620 EE (1) H09

(1) La difficoltà torna E dal colletto alla base del Monte Bisalta fino a Le Meschie.

Poco oltre l'area attrezzata de Le Meschie (1090 m) si ignora la pista sterrata sulla destra per le Stalle Artondù e si segue la strada asfaltata verso sud-ovest per il Gias Morteis (segnavia H09). Superato un ponte in cemento la strada diventa sterrata e sale rettilinea nel bosco. Si oltrepassa un'altra pista sterrata a destra (chiusa da una sbarra) e si continua fino ad un trivio presso la Fontana Giraud. Si trascurano sia la pista sulla destra, sia quella di fronte, tenendosi sulla sterrata che qui volge a sinistra e attraversa il Rio Grosso su un ponte in cemento.
Poche decine di metri oltre il ponte si lascia la strada e si imbocca il sentiero sulla destra. Il sentiero s'innalza a lungo nel fitto bosco con pendenze sostenute, incrocia una pista forestale ed infine, con alcune svolte, torna sulla strada sterrata proveniente da Le Meschie e abbandonata in precedenza.
Si segue la sterrata verso destra, ignorando subito la diramazione di sinistra per l'osservatorio astronomico 1. In pochi metri si raggiunge così la panoramica Sella Morteis (1450 m, 1:05 - 1:10 ore da Le Meschie).

Il valico prativo è un vero crocevia; in senso orario, da sinistra, incontriamo: una pista che scende verso Stalle Ciccioni (segnavia H21); una sorta di mulattiera che si perde lungo il pendio; una assai labile traccia (che si trasforma però in sentiero poco sopra) verso sud-est lungo il crinale, che punta la Cima Pravinè e costituisce una possibile scorciatoia); la prosecuzione della strada sterrata per il Gias Morteis.

La partenza della scorciatoia per la Cima Pravinè non si individua facilmente. Si risale il crinale prativo verso sud-ovest, per poi entrare nella faggeta e trovare un evidente sentierino, perfino segnalato con rade tacche bianco-rosse. Il sentiero traversa in salita nel bosco, con alcuni strappi, e si fa più piccolo e un poco malagevole finché non raggiunge la pista sterrata per il Gias Pravinè di mezzo. Seguendo la pista verso destra per pochi metri ci si ricongiunge alla strada sterrata dell'itinerario principale, proprio dove ha inizio il sentiero per il Gias Pravinè soprano.

Trascurate le varie diramazioni che si dipartono dalla sella, ci si tiene ancora sulla strada sterrata, che piega a destra (ovest) e stacca quasi subito a destra la breve discesa per il Gias Morteis (fontana presso la costruzione). La sterrata compie un unico tornante, dove si ignora il sentiero a destra per le Stalle Artondù e la Fontana Cappa.
Nel lunghissimo traverso che segue 2 si incotra la Funtana 'd Camilu quindi si giunge sul modesto colletto presso la Cima Pravinè. Qui si ignora la pista sterrata a sinistra per il Gias Pravinè sottano (dove giunge la summenzionata scorciatoia proveniente dalla Sella Morteis) e si lascia anche la sterrata, che continua per il Gias Pravinè di mezzo.
Si sale invece a destra, sul sentiero che abbandona definitivamente il bosco e rimonta assai ripido lo spoglio crinale pascolivo punteggiato da roccette. Il faticoso sentiero, pressoché rettilineo, raggiunge in breve il Gias Pravinè soprano (1819 m, 1:05 - 1:15 ore dalla Sella Morteis) 3, adagiato su una spalla pianeggiante lungo il ripido costone.
Il sentiero lascia il gias sulla destra e riprende subito la salita sull'erto crinale, tra magra erba, rododendri e roccette finché, quasi d'improvviso, ci si ritrova ai piedi di una lunghissima colata di grossi massi. Il sentiero termina e si prosegue di masso in masso (abbastanza stabili) 4, guidati dai segnavia bianco-rossi. Di tanto in tanto occorre anche aiutarsi con le mani per mantenere l'equilibrio.

Purtroppo sia i segnavia bianco-rossi, che altri segnavia gialli, si dividono ad indicare diverse vie di salita, seppure distanti tra loro solo pochi metri, complicando un poco l'ascesa.

L'impegnativa ascesa termina 6 di fatto proprio sulla vetta del Monte Besimauda (2231 m, 1:00 - 1:10 ore dal Gias Praviné soprano), ben più nota localmente come Bisalta 5798.

La sua posizione e la sua singolare forma hanno di sicuro contribuito a creare, specie in passato, un alone di mistero e magia intorno a questa montagna. Non poteva quindi mancare lo zampino del Diavolo per spiegare la ragione di una montagna con una doppia vetta, come vuole una delle leggende più diffuse e conosciute.
La Bisalta in origine, aveva una sola vetta. Finché, un giorno, un pastore scese a valle per vendere per vendere i suoi formaggi al mercato. Prima di rientrare con i buoni guadagni della giornata, l'uomo decise di fermarsi all'osteria per gustare un po' di vino. Dall'osteria, però, il pastore ne usci solo a tarda sera e piuttosto alticcio. Con passo incerto e la vista annebbiata, l'uomo riprese la via di casa ma, giunto ai piedi della Bisalta, la luce della luna venne coperta dal profilo della montagna. Il buio impenetrabile, e il vino in corpo che impediva di vedere il sentiero, fecero maledire al poveretto la montagna, invocandone la sua distruzione.
Il Diavolo, chiamato in causa, non si fece scappare l'occasione e offrì all'uomo di esaudire il suo desiderio in cambio della sua anima. In un attimo il contratto fu firmato e, subito, una schiera di demoni incomincio a picconare la porzione di montagna che ostruiva la visione della luna. Poco dopo, il Diavolo pose lo sguardo sul contratto appena siglato: si sentirono grida di rabbia e immediatamente il demone scomparve nelle tenebre assieme ai suoi adepti. Il mistero fu presto spiegato: il pastore, analfabeta, aveva firmato il contratto con una croce, mettendo in fuga il signore degli inferi! I lavori di demolizione della montagna erano però stati iniziati, e lasciarono la Bisalta con le due cime che vediamo ancora oggi.

[Nel cuore delle Alpi Liguri, p.260]

Sulla vetta del monte è posizionata una croce in metallo, con un grosso basamento anch'esso metallico ricoperto di pietre. Tra il 29 e il 30 ottobre 2018 tutto il nord Italia, non esclusa a Valle Pesio, è stato interessato da un'ondata di maltempo davvero eccezionale, e a farne le spese è stata anche la croce della Bisalta. Nonostante la struttura tubolare non opponesse grossa resistenza al vento, e nonostante l'imponente basamento in pietre, le raffiche soffiate a ben oltre i 100 km/h la croce è stata divelta. Scoperto il fatto da alcuni escursionisti, già il 15 novembre alcuni di militari del Secondo Reggimento Alpini, di stanza a San Rocco Castagnaretta (Cuneo), sono saliti in vetta e hanno riposizionato la croce.

[-]

Chi non intende ritornare sui propri passi, può chiudere un anello passando per il Gias Pravinè di mezzo.
Dalla vetta si scende lungo il crinale sud, ancora tra massi e roccette, fino al sottostante colletto, dove si ci immette su un sentierino che si segue verso sinistra. Il sentiero si tiene sul versante della Valle Pesio e taglia il pendio in leggero saliscendi poco sotto al crinale. Al successivo colletto si lascia a destra il bivio per la Fontana Cappa (segnavia L17), e si prosegue innanzi (sud, sempre segnavia L17).
Il sentiero segue lo stretto crinale, roccioso e a tratti aereo, quindi aggira verso sinistra alcuni spuntoni di roccia. Risaliti velocemente sul crinale, lo si segue finché possibile, poi ci si sposta sul versante della Valle Colla e si sale ad una elevazione nota come Sperone Centrale (o Bec Rosso, 2257 m) 10.
Si entra così nel Vallone Creusa, che si attraversa tenendosi sempre presso la displuviale, ora nuovamente sul versante della Valle Pesio. Si esce dal vallone su un esile colletto, dove si incontra il bivio a sinistra per il Gias Pravinè di mezzo 11. Si abbandona allora il sentiero che prosegue innanzi per il Bric Costa Rossa e si svolta a sinistra, scendendo sul costone che divide il Vallone Creusa dal Vallone Sot.
La ripida discesa tra mirtilli, rododendri e roccette porta fino a caratteristici roccioni affioranti 12, dove si piega a sinistra e, sfruttando un ampio cengione, ci si porta fin sul fondo idrico del Vallone Creusa. Qui il sentiero, un poco malagevole, riprende il suo andamento verso nord-est e serpeggia a lungo al centro del vallone; intorno a quota 1960 si incontra a sinistra la diramazione per una fonte, poi una traccia a destra per il Gias Sot.
Con il gias ormai in vista il sentiero di fatto si perde, confuso tra le miriadi di tracce lasciate dal bestiame. Senza percorso obbligato si scende comunque senza problemi al Gias Pravinè di mezzo (1687 m, 1:45 - 2:00 ore dal Monte Besimauda).

Problemi si possono incontrare compiendo il percorso in senso inverso: dal gias non è facile andare a ritrovare più a monte il sentiero.

Si segue verso sinistra la pista sterrata che serve l'alpeggio. Dopo aver lasciato a sinistra una sorta di mulattiera, la pista si trasforma in più comoda strada sterrata e stacca, ancora a sinistra, il sentiero per il Gias Pravinè soprano, che si ignora.
Continuando quasi in piano sulla strada 13 si ritorna nei pressi della Cima Pravinè, al un bivio già incontrato nel percorso di salita con il sentiero per il Gias Pravinè soprano.
Qui si può decidere se restare sulla sterrata o se utilizzare la scorciatoia già menzionata che si stacca sulla destra. In entrambi i casi si torna alla Sella Morteis (1450 m, 0:35 - 0:40 ore dal Gias Pravinè di mezzo, utilizzando la scorciatoia) e si rientra infine a Le Meschie (1090 m, 0:35 - 0:40 ore dalla Sella Morteis).

Carta schematica - Itinerario 07.16

Scarica la traccia GPS in formato GPX

Mappa su base © OpenStreetMap contributors, SRTM; map style © OpenTopoMap - licenza CC-BY-SA

Accessi

Da Chiusa di Pesio si risale la Valle Pesio in direzione della Certosa. Ben prima di giungere a Vigna si svolta a destra per Pradeboni. Qui si seguono le indicazioni per i Tetti Gori e Marro, fino ad arrivare in località Le Meschie, dove si trova anche una area attrezzata per pic-nic.

Note

Alla data del rilevamento le condizioni del sentiero di

Pernottamento

--

Cartografia

[Fra n.16] [Blu n.2] [IGC n.8]
I riferimenti dettagliati alle carte sono disponibili nella sezione Bibliografia.

Ultimo aggiornamento

Autunno 2017

QR code

Inquadra il QR code con l'apposita App del tuo telefonino per essere indirizzato a questa pagina web.

QR Code - Itinerario 07.16

Claudio

martedì 28 agosto 2018

[ 62.152.*.*]

Ho fatto l'escursione il giorno di Ferragosto 2018, proseguendo fino al Bric Costa Rossa. Sfortunatamente, a differenza di quelle che erano le previsioni, ho trovato brutto tempo, con pioggia battente (!!!) sulla pietraia della Besimauda. Poi è arrivato il sole, che ha un po' asciugato il terreno,ma non più di tanto. Infatti è stata molto difficoltosa anche la discesa fino al Gias Pravinè, con il senno di poi era meglio fare a ritroso lo stesso percorso dell'andata. Ci riproverò l'anno prossimo!

Commenta l'itinerario 07.16

7 - Panorama sul Bric Costa Rossa dalla vetta del Monte Besimauda (o Bisalta) (2017)
7 - Panorama sul Bric Costa Rossa dalla vetta del Monte Besimauda (o Bisalta) (2017)
2 - Panorama dalla strada per il Gias Pravinè di mezzo (2017)
2 - Panorama dalla strada per il Gias Pravinè di mezzo (2017)
4 - La lunga colata di massi che conduce sulla vetta del Monte Besimauda (2017)
4 - La lunga colata di massi che conduce sulla vetta del Monte Besimauda (2017)
9 - La croce in vetta al Monte Besimauda (o Bisalta) (2017)
9 - La croce in vetta al Monte Besimauda (o Bisalta) (2017)
1 - Il crinale prativo che conduce all'Osservatorio Astronomico di Colletta Morteis dalla Sella Morteis (2016)
1 - Il crinale prativo che conduce all'Osservatorio Astronomico di Colletta Morteis dalla Sella Morteis (2016)
3 - Il Gias Pravinè soprano (2017)
3 - Il Gias Pravinè soprano (2017)
6 - L'ultimo tratto della dorsale detritica che sbuca proprio sulla vetta del Monte Besimauda (o Bisalta) (2017)
6 - L'ultimo tratto della dorsale detritica che sbuca proprio sulla vetta del Monte Besimauda (o Bisalta) (2017)
8 - L'anticima del Monte Besimauda (o Bisalta) con la lunga dorsale che si allunga fin sulla pianura (2017)
8 - L'anticima del Monte Besimauda (o Bisalta) con la lunga dorsale che si allunga fin sulla pianura (2017)
10 - La sommità nota come Sperone Centrale (o Bec Rosso) (2017)
10 - La sommità nota come Sperone Centrale (o Bec Rosso) (2017)
11 - Il bivio per il Gias Pravinè di mezzo lungo la displuviale Monte Besimauda - Bric Costa Rossa (2017)
11 - Il bivio per il Gias Pravinè di mezzo lungo la displuviale Monte Besimauda - Bric Costa Rossa (2017)
12 - Un caratteristico roccione dove il sentiero svolta nel Vallone Creusa (2017)
12 - Un caratteristico roccione dove il sentiero svolta nel Vallone Creusa (2017)
13 - La strada sterrata che dal Gias Pravinè di mezzo torna alla Sella Morteis (2017)
13 - La strada sterrata che dal Gias Pravinè di mezzo torna alla Sella Morteis (2017)
5 - Panorama sulle Alpi Marittime dalla vetta del Monte Besimauda (o Bisalta) (2017)
5 - Panorama sulle Alpi Marittime dalla vetta del Monte Besimauda (o Bisalta) (2017)
×