Itinerario 14.02

14.02 Prato Ciorliero - Colle della Scaletta - Lago superiore di Roburent

Prato Ciorliero (1910 m) - Passo dell'Escalon (2415 m) - Colle della Scaletta (2614 m) - Lago superiore di Roburent (2426 m)

+704 / -188

Dislivello [m]

3:10

Tempo [h:mm]

-

Distanza [m]

Difficoltà

Tipologia

Escursione lunga e abbastanza impegnativa se si compie anche la discesa al Lago superiore di Roburent. I buoni sentieri, i panorami sempre mutevoli e gli ambienti assai vari che si attraversano ripagano tuttavia delle fatiche della salita.

A Da Prato Ciorliero (1910 m) a: Dislivello [m]
(andata e ritorno)
Tempo [h:mm]
(andata e ritorno)
Distanza [m]
(andata e ritorno)
Difficoltà Segnavia
B Colle della Scaletta (2614 m) +704 / -0
(+704 / -704)
2:45
(5:00)
-
(-)
E -
C Lago superiore di Roburent (2426 m) +704 / -188
(+892m / -892)
3:10
(6:00)
-
(-)
E -

Proprio in corrispondenza della partenza del sentiero, sui pendii ai due lati della sterrata, si trovano due opere del Vallo Alpino: sulla sinistra il Centro 177 8, con il curioso osservatorio a quattro visuali posto sopra il blocco d'armi; sulla destra il Centro 176 910, ormai nascosto dal bosco di larici e visibile solo dall'opera dirimpettaia. Le due fortificazioni, realizzate tra il 1936 e il 1939 (anche se la tipologia costruttiva dei blocchi d'armi lascia pensare ad una realizzazione dei secondi anni '20, n.d.r.), facevano parte dello sbarramento di Prato Ciorliero e costituivano un raddoppio della prima linea difensiva, situata invece a ridosso dello spartiacque. Il Centro 177 era armato con 2 mitragliatrici, il Centro 176 con tre mitragliatrici e due fucili mitragliatori.

[Strade e sentieri del Vallo Alpino]

Imboccato sulla destra della rotabile il bivio (segnavia S10) per il Passo dell'Escalon e i Laghi di Roburent, il sentiero sale brevemente nel lariceto, poi spiana e costeggia per un tratto una bealera (piccolo canale artificiale a pendenza quasi nulla realizzato in passato per l'irrigazione dei campi o per l'approvigionamento idrico).

Dal sentiero vale la pena gettare lo sguardo ai fabbricati, alcuni riattati ed alcuni ormai quasi distrutti, di Prato Ciorliero 2. Nonostante il toponimo faccia riferimento a ben altre attività praticate in zona ('chouliero' in provenzale indicava un campo in cui venivano coltivati i cavoli), si tratta di edifici militari, baraccamenti invernali per la truppa, che comprendevano dormitori, cucine e scuderia.

[Le strade dei cannoni]

Ricominciata la salita, con un traverso in diagonale abbastanza ripido, si trascura a sinistra il bivio con il sentiero per il Colle Oserot (segnavia S11). Abbandonato il lariceto, si entra in una conca 3 di prati e detriti, all'inizio della quale si ignorano una traccia che sale a destra e, poco oltre sulla sinistra, il bivio per il Ricovero Escalon (segnavia S27), rudere di una grossa caserma utilizzata dalla G.a.F. durante il secondo conflitto modiale. Un altro strappo consente di raggiungere una seconda conca, questa volta prevalentemente detritica con qualche rado ciuffo d'erba. Il sentiero si sposta sulla sinistra orografica della conca e, con svariati tornanti, risale il canale che porta al Passo dell'Escalon 4. A questo punto il percorso si fa meno pendente e, su buon sentiero, si raggiunge senza troppa fatica anche il Colle della Scaletta 5.
Al colle si tralascia la traccia a sinistra del "Sentiero Roberto Cavallero" (segnavia SRC), e si inizia una leggera discesa 6. Lasciata una casermetta sulla destra e la traccia per il Passo Peroni sulla sinistra, con una digressione di qualche metro dal sentiero principale si arriva ad un bel punto panoramico 7. Il Lago superiore di Roburent 11121 è già in vista e lo si raggiunge con una ripida discesa a stretti tornanti lungo l'ampio canale che scende dal passo.

Carta schematica - Itinerario 14.02

Mappa su base CTR Piemonte

Accessi

Da Dronero si risale la Valle Maira fin quasi ad Acceglio. Poche decine di metri prima di entrare in paese, si imbocca sulla sinistra il ponte che attraversa il Torrente Maira e si risale il Vallone di Unerzio superando Chialvetta, Pratorotondo e Viviere. Oltre Viviere, in corrispondenza del bivio sulla destra per il Colle Ciarbonet, la strada diventa sterrata. La si percorre ancora per 750 metri circa fino ad incontrare, sulla destra, la partenza del sentiero. Piccoli slarghi ai margini della strada consentono di posteggiare alcune auto.
La strerrata termina in effetti poco oltre, in località Prato Ciorliero, da dove una evidente traccia sale a ricongiungersi al sentiero descritto nell'itinerario.

Note

--

Pernottamento

--

Cartografia

--

Ultimo aggiornamento

Estate 2003

QR code

Inquadra il QR code con l'apposita App del tuo telefonino per essere indirizzato a questa pagina web.

QR Code - Itinerario 14.02

Valerio79

mercoledì 25 agosto 2010

[ 83.103.*.*]

Itinerario bellissimo. Paesaggio molto bello anche durante il percorso. Il Passo dell'Escalon non è indicato, il primo scollinamento evidente è lo Scaletta. Consiglio di parcheggiare dopo Viviere al termine della strada asfaltata dal bivio per il Colle Ciarbonet. Di lì con passo tranquillo e regolare in 1h50 si arriva al colle con 10 min in più si vedono i Laghi di Roburent.

giggi666

venerdì 24 agosto 2012

[ 151.31.*.*]

ne veniamo oggi da 4 giorni di sentieri in valle maira,bellissimi passaggi,bello il molto frequentato il lago roburent,ma non c'è segnalazione per il colle della scaletta,ed arrivati al suddetto colle,un'altro bivio da prendere con la monetina. e pensar che sarebbero stupendi

homepost

mercoledì 13 novembre 2013

[ 79.31.*.*]

sarebbe utile pubblicizzare di più questi bei sentieri di montagna: abbiamo un patrimonio ambientale e naturalistico meraviglioso a due passi da casa, e ho scoperto per puro caso questo sentiero. Grazie a chi si da da fare per consentire al pubblico di fruire di questi gioielli di sentieri

Commenta l'itinerario 14.02

11 - Il Lago superiore di Roburent (2018)
11 - Il Lago superiore di Roburent (2018)
12 - Nuvole riflesse nel Lago superiore di Roburent (2018)
12 - Nuvole riflesse nel Lago superiore di Roburent (2018)
9 - L'ampio ricovero truppa all'interno del Centro 176 (2010)
9 - L'ampio ricovero truppa all'interno del Centro 176 (2010)
1 - Le 'Trune' nei pressi del Lago superiore di Roburent (1997)
1 - Le 'Trune' nei pressi del Lago superiore di Roburent (1997)
6 - Il sentiero che scende dal Colle della Scaletta (2003)
6 - Il sentiero che scende dal Colle della Scaletta (2003)
5 - Al Colle della Scaletta (2003)
5 - Al Colle della Scaletta (2003)
4 - Vista sul vallone dal Passo dell'Escalon (2003)
4 - Vista sul vallone dal Passo dell'Escalon (2003)
2 - Prato Ciorliero e i resti dei baraccamenti militari del secondo conflitto mondiale. Sulla sinistra, l'evidente Passo della Gardetta, attraversato dall'itinerario 14.03 (2003)
2 - Prato Ciorliero e i resti dei baraccamenti militari del secondo conflitto mondiale. Sulla sinistra, l'evidente Passo della Gardetta, attraversato dall'itinerario 14.03 (2003)
7 - Il Lago superiore di Roburent dai pressi del Colle della Scaletta (2003)
7 - Il Lago superiore di Roburent dai pressi del Colle della Scaletta (2003)
8 - Il malloppo per mitragliatrici e il soprastante osservatorio a quattro visuali del Centro 177 (2010)
8 - Il malloppo per mitragliatrici e il soprastante osservatorio a quattro visuali del Centro 177 (2010)
10 - Locali logistici nel Centro 176 (2010)
10 - Locali logistici nel Centro 176 (2010)
3 - La conca prativa che si incontra nel tratto iniziale della salita (2003)
3 - La conca prativa che si incontra nel tratto iniziale della salita (2003)
×