Itinerario 14.14

14.14 Il sentiero dei Ciclamini: Bedale di Macra - Camoglieres - Bedale di Macra

Il sentiero dei Ciclamini: Bedale di Macra (822 m) - Langra (965 m) - Caricatori (998 m) - Camoglieres (978 m) - Villar (879 m) - Bedale di Macra (822 m)

+268 / -268

Dislivello [m]

1:55 - 2:15

Tempo [h:mm]

6695

Distanza [m]

T/E 

Difficoltà

Tipologia

Escursione ad anello, nota e frequentata per la fioritura primaverile di orchide e tardo estiva di ciclamini che si può ammirare lungo il percorso. Molto carine la borgata di Camoglieres e la vicina Cappella di San Pietro, con la rappresentazione della "Danza macabra" all'interno del ciclo di affreschi che custodisce. Per la buona esposizione e il clima mite, il sentiero è ottimo anche nella stagione autunnale.

A Da Bedale di Macra (822 m) a: Dislivello [m] Tempo [h:mm] Distanza [m] Difficoltà Segnavia
B Langra (965 m) +143 / -0 0:30 - 0:35 1237 T/E -
C Caricatori (998 m) +176 / -0 0:35 - 0:40 1507 T/E -
D Camoglieres (978 m) +258 / -102 1:25 - 1:35 4618 T/E -
E Villar (879 m) +268 / -211 1:50 - 2:05 6209 T/E -
F Bedale di Macra (822 m) +268 / -268 1:55 - 2:15 6695 T/E -

Il sentiero ha inizio nella borgata Bedale di Macra (822 m) proprio dove il Bedale di Langra sottopassa la strada provinciale. Il sentiero costeggia la sponda sinistra orografica del rio, superando quasi subito il vecchio mulino ristrutturato. Salendo dolcemente in un bosco di latifoglie miste 2, si lascia sulla destra la diramazione (una variante dei 'Percorsi Occitani') per la Borgata Villar e Camoglieres, utilizzata per il rientro. Attraversato il Bedale di Langra su un ponticello in legno, il sentiero 34 raggiunge un pilone votivo per poi attraversare il piccolo corso d'acqua altre due volte, la prima con un piccolo ponte in cemento e la seconda su un ponticello di legno. Si prosegue a questo punto sulla destra idrografica del rio fino ad incontrare la strada asfaltata per le borgate Langra e Caricatori. La si segue in salita (verso sinistra) raggiungendo, in breve, Langra (965 m, 0:30 - 0:35 ore da Bedale di Macra) 5614.

La borgata è di dimensioni ben maggiori di quello che possa apparire arrivandovi dalla strada. Se la piccola Chiesa di San Giuseppe e Sant'Antonio da Padova, restaurata l'ultima volta nel 2003, appare in buono stato, lo stesso non si può per la maggior parte delle altre abitazioni del paese. Seguendo, e vale la pena farlo, il "trenino" di case che si snoda lungo un piccolo impluvio, non è difficile immaginare un brulicare di persone intente in mille attività. Oggi, una bottiglia su un davanzale, una slitta per il trasporto di fieno e legna, il basto per un mulo, sono i pochi segni che restano di luoghi abbandonati forse in troppa fretta. Segni che andranno definitivamente scomparendo nel giro di pochi anni, al pari della civiltà cui appartenevano.

[-]

Lasciato a sinistra il tracciato dei 'Percorsi Occitani' che entra in Langra diretto a San Martino, la strada asfaltata prosegue in salita e si trasforma in pista sterrata all'ingresso di Caricatori (998 m, 0:05 ore da Langra).

Se il toponimo della borgata è legato all'attività di boscaiolo di molti degli abitanti del luogo, il colonnato in pietra al fondo del paese è con ogni probabilità una testimonianza della coltivazione della vite. Gli stessi terrazzamenti che si incontrano arrivando a Camoglieres erano, fino a non molti decenni fa, coltivati a vite.

[-]

Si aggirano le case del paese, molte delle quali riattate, imboccando un'ampia mulattiera che si abbandona però dopo pochi metri. Si svolta infatti a destra sul sentiero per Camoglieres ignorando la mulattiera che prosegue innanzi, anch'essa diretta a Camoglieres ma con percorso più lungo. Il sentiero traversa in direzione sud sud-est, dapprima in discreta salita, quindi con percorso pianeggiante a fianco di scoscese pareti calcaree. In questo tratto, stante il percorso sostanzialmente a ritroso effettuato sul lato opposto del vallone, si possono osservare dall'alto le due borgate visitate poco prima 13.
Si prosegue sempre a mezzacosta e, cambiato versante, si entra nel Bosco di Saria, a netta prevalenza di pino silvestre. Oltrepassato l'impluvio, e avvicinandosi allo sbocco del vallone, il pino silvestre viene rimpiazzato da betulle e vegetazione arbustiva. Prima di entrare in un terzo vallone, si incontra un pilone votivo, posto su una rupe in posizione dominante su Macra, che costituisce anche il punto più elevato dell'intero percorso 12.

Tutta la zona è stata interessata da un disastroso incendio negli anni '80. Nelle zone toccate marginalmente si possono notare le cortecce annerite dei pini. Ma nel tratto che precede il pilone votivo si può solo immaginare, dai pochi ceppi carbonizzati che spuntano dal terreno, quale fosse l'aspetto del bosco prima dell'incendio. Quello che si può notare adesso è la colonizzazione che la betulla ha intrapreso su tutto il versante, insieme a pochi sorbi, salici e querce.
La betulla 1, pianta pioniera dalla tipica corteccia bianca e lucente, cresce bene anche in versanti denudati, e vive fino a un centinaio d'anni, preparando il terreno a specie più esigenti. Il legno, che se opportunamente lavorato resiste bene all'acqua, è utilizzato sia per la produzione di inchiostri che dall'industria farmaceutica.

[-] [Alberi e arbusti] [Alberi, Funghi e Frutti]

Con andamento inizialmente pianeggiante, poi in leggera discesa, si prosegue il lungo mezzacosta. Lasciata a sinistra una palestra di arrampicata, si attraversano i resti di antichi terrazzamenti fino a giungere all'abitato di Camoglieres (978 m, 0:50 - 0:55 ore da Caricatori) 78.

A Camoglieres, oltre a pregevoli esempi di architettura alpina, si può ammirare il forno comunitario ben restaurato (da notare i due forni distinti, di diverse dimensioni, utilizzati in base alla quantità di pane da cuocere). Su alcune abitazioni sono poi presenti alcuni affreschi di Giors Boneto 9, pittore popolare di Paesana, nato nel 1746, che operò tra la fine del settecento e l'inizio dell'ottocento in diverse valli cuneesi.

[-]

Il sentiero prevede di seguire brevemente la strada asfaltata, fino alla Cappella di San Sebastiano, dal minuscolo campanile a vela, dove si svolta a destra scendendo tra le viuzze della bella borgata.

DI recente è stata segnalata anche una variante più corta di poche decine di metri: all'inizio dell'asfalto si svolta a destra tra le case della borgata e si scende tra le viuzze fino a ritornare sul percorso principale praticamente a valle delle case.

Giunti ad un piccolo impluvio, si imbocca la mulattiera che, alternando tratti di discesa a tratti pianeggianti, si dirige verso la Borgata Villar. Si trascura un bivio in salita sulla destra per raggiungere, subito dopo, la bella Cappella di San Pietro 11, riccamente affrescata al suo interno.

Per secoli rimasta in abbandono, la recente ristrutturazione ha portato alla luce vari cicli di affreschi della seconda metà del '400 10. Il più conosciuto è forse quello che raffigura una 'danza macabra' in cui, a fianco di donne, cavalieri e frati, si vedono danzare scheletri o cadaveri. Le coppie di danzatori, tutte formate da una persona viva e una defunta, stanno a ricordare l'uguaglianza di tutti gli uomini di fronte alla morte.

[Strade e sentieri del Vallo Alpino]

Oltre la cappella, la discesa termina sulla strada asfaltata per Villar. Si segue la strada in salita (verso destra), si trascura a destra la diramazione asfaltata per Langra e Caricatori, e si raggiunge la Parrocchiale di San Marcellino a Villar (879 m, 0:25 - 0:30 ore da Camoglieres).
A destra della chiesa si ritrova il sentiero: ci si cala nel bosco per un breve tratto, fino ad raggiungere il bivio già incontrato alla partenza poco a monte del mulino in ristrutturazione. Si svolta a sinistra e si ritorna a Bedale di Macra (822 m, 0:05 - 0:10 ore da Villar).

Carta schematica - Itinerario 14.14

Mappa su base CTR Piemonte

Accessi

Da Dronero si risale la valle fino a Macra. L'inizio del sentiero si trova risalendo la provinciale per poche decine di metri oltre la piazza del Municipio, sulla destra subito prima del ponte sul Bedale di Langra. Per lasciare l'auto è consigliabile, appena oltre il paese di Macra, svoltare a sinistra per Celle di Macra, scendere brevemente ed imboccare la prima strada a sinistra, dove si trova un ampio posteggio.

Note

--

Pernottamento

--

Cartografia

[AsF n.7] [Fra n.12] [IGC n.111] [IGC n.7]
I riferimenti dettagliati alle carte sono disponibili nella sezione Bibliografia.

Ultimo aggiornamento

Autunno 2015

QR code

Inquadra il QR code con l'apposita App del tuo telefonino per essere indirizzato a questa pagina web.

QR Code - Itinerario 14.14

Flavio e Monica

domenica 26 luglio 2009

[ 93.65.*.*]

Percorso bello e panoramico. Abbastanza facile. Segnaletica insufficiente nell'ultimo tratto all altezza di Camoglieres.

agdag

mercoledì 19 maggio 2010

[ 94.81.*.*]

Data: 18/05/2010. In famiglia con bimba di 4 mesi. Ciclamini non ancora fioriti causa tempaccio di quest'anno, ma tanti altri fiori e piante sì. Borgate e punti panoramici belli. La frase 'Il sentiero prevede di scendere sulla strada asfaltata' relativa a Camoglieres, ci ha fuorviato e fatto perdere tutto il pezzo finale del percorso, oltre che tempo ed energie: invece, giunti alla borgata, seguire le tacche gialle del P.O. il quale non passa per la strada asfaltata. Andrà meglio un'altra volta.

AlpiCuneesi

mercoledì 19 maggio 2010

[ 91.80.*.*]

Grazie Agdag, in relazione al commento precedente, ho cercato di modificare la descrizione dell'itinerario per ridurre le incomprensioni.

simy76

domenica 26 giugno 2011

[188.216.*.*]

Bellissima gita con mia nipote Jenny ed Ivana. Percorso immerso nel verde e nella tranquillità. Panorami stupendi. Molto interessanti i pannelli istruttivi lungo il percorso per bimbi e non. Dopo Camoglieres abbiamo seguito alla lettera il percorso descrito e non abbiamo sbagliato. Lo consiglio!!!

Piacione

martedì 13 novembre 2012

[ 95.74.*.*]

Bellissimo sentiero che con il suo itinerario ad anello permette di percorrerlo mentre si superano piacevoli borgate. Non impegnativo e ben soleggiato.

logan

mercoledì 19 giugno 2013

[ 87.248.*.*]

Mi spiace confermare il fatto che, una volta giunti a Camoglieres, la segnaletica, seppur abbondante, è piuttosto fuorviante. Questo ci ha fatti finire sulla strada asfaltata e a quel punto siamo risaliti al paese tra le macchine che sfrecciavano.

AlpiCuneesi

mercoledì 19 giugno 2013

[ 91.80.*.*]

Sulla segnaletica posso farci poco, anche se mi spiace che continui a creare confusione. Non posso che ribadire, per i futuri escursionisti, che a Camoglieres, all'altezza della Chiesetta di San Sebastiano (ben individuabile, a fianco della strada), SI DEVE ABBANDONARE L'ASFALTO E SVOLTARE A DESTRA SCENDENDO TRA LE CASE DI CAMOGLIERES. Buon sentiero dei ciclamini a tutti!

Graziella

martedì 12 settembre 2017

[ 5.170.*.*]

Percorso fatto Martedì 12 settembre 2017 Giornata splendida! Bellissimo sentiero facile e ben segnalato, molto panoramico, suggestive anche le Borgate!

michela

lunedì 22 gennaio 2018

[ 5.198.*.*]

Ciao, vorrei rettificare che il ciclamino fiorisce a tarda estate essendo il Cyclamen europaeum e non i ciclamini a fioritura primaverile di altre zone d'Italia altrimenti qualche gitante si aspetta di trovarlo contemporaneamente alle orchidee

AlpiCuneesi

lunedì 22 gennaio 2018

[ 5.198.*.*]

Grazie Michela per la segnalazione, ho precisato.

anonimo

lunedì 13 agosto 2018

[ 5.90.*.*]

Vorrei solo correggere, che il parcheggio non è sulla piazza del municipio, ma nel borgo sotto vicino al fiume, si prende la strada per Celle Macra e poi si gira la prima a sinistra e sulla destra c'è il piazzale per la sosta.

AlpiCuneesi

lunedì 13 agosto 2018

[ 5.90.*.*]

Grazie per la segnalazione, ho modificato di conseguenza le indicazioni.

anonimo

domenica 23 settembre 2018

[ 94.163.*.*]

Buongiorno, un bel itinerario e complimenti alla descrizione dell'itinerario che è chiara e ben fatta. Grazie!

Commenta l'itinerario 14.14

13 - La valletta lungo cui si allungano, a guisa di trenino, le abitazioni di Langra (2015)
13 - La valletta lungo cui si allungano, a guisa di trenino, le abitazioni di Langra (2015)
14 - Particolare di una porta a Langra (2015)
14 - Particolare di una porta a Langra (2015)
9 - Camoglieres, affresco di Giors Boneto su pilastro rotondo, datato 1806 (2005)
9 - Camoglieres, affresco di Giors Boneto su pilastro rotondo, datato 1806 (2005)
6 - Langra, particolare (2005)
6 - Langra, particolare (2005)
2 - La mulattiera che sale a fianco del Bedale di Langra (2005)
2 - La mulattiera che sale a fianco del Bedale di Langra (2005)
8 - Camoglieres (2005)
8 - Camoglieres (2005)
3 - Uno sguardo verso valle, dai pressi del primo pilone votivo che si incontra lungo il percorso (2005)
3 - Uno sguardo verso valle, dai pressi del primo pilone votivo che si incontra lungo il percorso (2005)
4 - Orchidea (<i>Anacamptis pyramidalis</i>) (2005)
4 - Orchidea (Anacamptis pyramidalis) (2005)
5 - Langra (2005)
5 - Langra (2005)
1 - Foglie di Betulla (<i>Betula pendula</i>) (2005)
1 - Foglie di Betulla (Betula pendula) (2005)
12 - Panorama dai pressi del pilone votivo nel punto più elevato del percorso (2015)
12 - Panorama dai pressi del pilone votivo nel punto più elevato del percorso (2015)
10 - Il ciclo di affreschi all'interno della Cappella di San Pietro (2005)
10 - Il ciclo di affreschi all'interno della Cappella di San Pietro (2005)
7 - Camoglieres: sopra al paese si riconoscono i resti dei terrazzamenti (2005)
7 - Camoglieres: sopra al paese si riconoscono i resti dei terrazzamenti (2005)
11 - La Cappella di San Pietro (2015)
11 - La Cappella di San Pietro (2015)
×