Italiano Franšais Nederlands Deutsch English
Ordina per: localitÓádi partenza Ordina per: numero progressivo Ordina per: data ultimo aggiornamento Ordina per: numero di commenti Ordina per: lunghezza (ove disponibile)
Ordina per: dislivello in salita Ordina per: dislivello totale Ordina per: tempo di salita Ordina per: tempo totale Ordina per: difficoltÓ
[01] [02] [03] [04] [05] [06] [07] [08] [09] [10] [11] [12] [13] [14] [15] [16] [17] [18] [19] [20] [21] [22] [23] [24] [25] [27] [28] [30] [33] [34] [35] [39] [41] [42]
Trekking 'Sui sentieri del Re'
11.02 San Giacomo di Entracque - Rifugio Federici Marchesini al Pagarý - Passo di Pagarý
San Giacomo di Entracque (1209 m) - Gias sottano del Vej del Bouc (1437 m) - Rifugio Federici Marchesini al Pagarý (2627 m) - Passo di Pagarý (2819 m)
Itinerario classico (andata e ritorno) [Commenta l'itinerario] [Leggi i commenti (0)] [Stampa]
11 - Il Rifugio Federici Marchesini al Pagarý; sullo sfondo, la Cima della Maledia (2008)
11 - Il Rifugio Federici Marchesini al Pagarý; sullo sfondo, la Cima della Maledia (2008)
Una "classica" all'interno del Parco, la salita al Rifugio Pagarý si presenta lunga e abbastanza faticosa. Dopo aver attraversato il pianoro del Rasur, una infinita serie di tornanti guadagna quota fino a raggiungere il pi¨ alto rifugio delle Alpi Marittime. Per chi ha ancora voglia di camminare, un'ultima salita in pietraia conduce al Passo di Pagarý attraversato nel XV secolo da una arditissima Via del Sale.
A Da San Giacomo di Entracque (1209 m) a: Dislivello
[m]
Dislivello A/R
[m]
Tempo
[h:mm]
Tempo A/R
[h:mm]
Distanza
[m]
DifficoltÓ Segnavia
B Gias sottano del Vej del Bouc (1437 m) +252 / -24 +276 / -276 1:10 - 1:20 2:05 - 2:25 3600 T M14
C Rifugio Federici Marchesini (2627 m) 1442 / -24 1466 / -1466 4:50 - 5:30 8:05 - 9:15 11780 E M13 ╗ M13A
D Passo di Pagarý (2819 m) +1634 / -24 +1658 / -1658 5:35 - 6:20 9:25 - 10:45 - E/EE M13
Descrizione: Qualche decina di metri a valle di San Giacomo di Entracque (1209 m), si attraversa il ponte sul Torrente Gesso della Barra. Lasciati a sinistra l'area attrezzata per pic-nic ed il bivio per il Ponte della Rovina e TrinitÓ di Entracque (segnavia M22 e GTA), si prosegue fino al Gias sottano del Vej del Bouc (1437 m, 1:10 - 1:20 ore da San Giacomo di Entracque) in comune con l'Itinerario 11.23.
Nei pressi dei ruderi del gias la strada sterrata di fatto termina. Si lascia sulla sinistra la mulattiera che sale al Lago del Vej del Bouc (segnavia M14) e si prosegue diritti. Subito dopo si attraversa il torrente di fondovalle 10 su un ponte in legno; lasciato a destra il Gias Colombo, si prosegue, sempre paralleli al fondo idrico del vallone, in leggera salita, su una mulattiera che si trasforma successivamente in sentiero. Dopo un lungo traverso, nei pressi di un grosso masso si lascia a destra il sentiero per il Bivacco Moncalieri (segnavia M20), incontrando poco dopo il Rio Pantacreus che, in caso di piena, pu˛ essere attraversato sulla soprastante passerella in legno.
Sempre a poca distanza, si deve trascurare una malandata mulattiera che si stacca sulla sinistra e percorre il fondo del Vallone di Moncolomb (si tratta del vecchio segnavia M15 per il Lago Bianco dell'Agnel; il tracciato, ora denominato M13B nella sola sua parte iniziale, Ŕ quasi completamente scomparso nel tratto pi¨ in quota). Oltre il bivio, la pendenza aumenta e, con numerosi tornanti, si inizia a risalire il fianco del vallone in direzione sud-ovest. La lunghissima serie di tornanti, a tratti abbastanza stretti e scalinati, prosegue in mezzo ad una fitta vegetazione arbustiva fino al Passo sottano del Muraion (o Passaggio del Muraion), poco oltre il quale il sentiero spiana leggermente e la vista si apre sul Vallone del Muraion e sulla testata della valle.
Si prosegue ora tra rocce e praterie alpine, su terreno aperto 5126, fatta eccezione per le formazioni di ontano verde che si incontrano nei pressi del Rio Pagarý 9. Attraversato il rio, si percorrono alcuni ripidi traversi fino a raggiungere il bivio per il Lago Bianco dell'Agnel e il Passo dell'Agnel (segnavia M13C), che si lascia sulla sinistra. Da qui ricomincia una nuova lunga serie di tornanti, ampi e non eccessivamente ripidi, che risalgono in direzione sud-ovest il pendio ricoperto di rododendri.
Si tralascia a destra una traccia e si continua a salire a tornanti 7, che si fanno mano a mano pi¨ stretti. Lasciati a destra il sentiero per il Lago Bianco del Gelas e il Bivacco Moncalieri (segnavia M21), e a sinistra la traccia per il Passo di Pagarý e il Refuge de Nice (segnavia M13), si Ŕ ormai a poche decine di metri dal Rifugio Federici Marchesini al Pagarý (2650 m, 3:40 - 4:10 ore dal Gias sottano del Vej del Bouc) 81112, ben pi¨ noto semplicemente come Rifugio Pagarý.
Tornando all'ultimo bivio, proprio nei pressi del rifugio, chi vuole pu˛ proseguire ancora. Una traccia, serpeggiando tra pietraie in direzione sud, s'inerpica fino al Passo di Pagarý (2819 m, 0:45 - 0:50 ore dal Rifugio Federici Marchesini) 43, ripercorrendo un frequentato valico di comunicazione per il commercio del sale utilizzato tra la seconda metÓ del 1400 e i primi decenni del 1500. Facile la presenza di neve anche in estate.
Paganino dal Pozzo e la via del sale per il Passo di Pagarý
Il toponimo del passo prende il nome dall'impresario e finanziere Paganino Dal Pozzo, detto appunto Pagarý. Nel 1453, dopo aver realizzato o ripristinato numerose vie di comunicazione tra il Nizzardo e la Contea di Savoia, per consentire il transito del sale, ottenne di poter realizzare a proprie spese - in cambio della riscossione delle gabelle - una via ancor pi¨ breve di quelle allora disponibili. Il tracciato previsto dall'imprenditore prevedeva l'attraversamento di un colle ad oltre 2800 metri di quota, colle che poi fu battezzato Pagarý in suo onore. Vari fattori ambientali, primo tra tutti l'espansione del Ghiacciaio della Maledia, fecero investire al Pagarý tutti i propri averi nella manutenzione della mulattiera, che per contratto doveva restare aperta per nove mesi l'anno nonostante la quota. Diversi anni dopo la morte, in miseria, del Pagarý, e meno di un secolo dopo la sua costruzione, l'itinerario fu definitivamente abbandonato.
[La Guida del Parco Alpi Marittime, p.112] [-]
Carta schematica - Itinerario 11.02
Mappa su base CTR Piemonte [?]
Accessi: Da Borgo San Dalmazzo si risale la Valle Gesso in direzione Valdieri ed Entracque. Passato l'abitato di Valdieri, si prende la deviazione a sinistra per Entracque e, poco oltre, una successiva deviazione a destra per San Giacomo. Oltre la diga della Piastra, un ultimo bivio a sinistra porta alla piccola borgata di San Giacomo di Entracque (ampio posteggio).
Note: Il percorso dal rifugio al passo si svolge traccia in pietraia ed Ŕ possibile la presenza di neve anche in estate. Per quanto non presenti difficoltÓ particolari, Ŕ preferibilmente riservato ad escursionisti esperti.
Cartografia: [Fra n.15] [AsF n.4] [Blu n.1] [IGC n.113] [IGC n.8]
(i riferimenti dettagliati alle carte sono disponibili nella sezione Bibliografia).
Ultimo aggiornamento: Estate 2008
1 - Femmina di stambecco (<i>Capra ibex</i>) nei pressi del Rifugio Federici Marchesini (1990)
1 - Femmina di stambecco (Capra ibex) nei pressi del Rifugio Federici Marchesini (1990)
8 - Panorama dal Rifugio Federici Marchesini in direzione del Lago Bianco dell'Agnel (2003)
8 - Panorama dal Rifugio Federici Marchesini in direzione del Lago Bianco dell'Agnel (2003)
4 - Al Passo di Pagarý (1992)
4 - Al Passo di Pagarý (1992)
10 - Vallone di Moncolomb ed il torrente che lo attraversa (2003)
10 - Vallone di Moncolomb ed il torrente che lo attraversa (2003)
5 - Piccolo di camoscio (<i>Rupicapra rupicapra</i>) nei pressi del Rio Pantacreus (2003)
5 - Piccolo di camoscio (Rupicapra rupicapra) nei pressi del Rio Pantacreus (2003)
7 - Una perla di saggezza offerta dal gestore del Rifugio Federici Marchesini (2003)
7 - Una perla di saggezza offerta dal gestore del Rifugio Federici Marchesini (2003)
6 - Il Vallone di Moncolomb e Pra del Rasur dal sentiero che sale al Rifugio Federici Marchesini (2003)
6 - Il Vallone di Moncolomb e Pra del Rasur dal sentiero che sale al Rifugio Federici Marchesini (2003)
2 - Stambecco maschio (<i>Capra ibex</i>) nei pressi del Rifugio Federici Marchesini (1990)
2 - Stambecco maschio (Capra ibex) nei pressi del Rifugio Federici Marchesini (1990)
9 - Il Vallone del Muraion dai pressi del Rio Pagarý (2003)
9 - Il Vallone del Muraion dai pressi del Rio Pagarý (2003)
12 - Camoscio (<i>Rupicapra rupicapra</i>) nei pressi del Rio Pantacreus (2003)
12 - Camoscio (Rupicapra rupicapra) nei pressi del Rio Pantacreus (2003)
3 - Panorama verso la Francia dal Passo di Pagarý (1992)
3 - Panorama verso la Francia dal Passo di Pagarý (1992)
Commenti all'itinerario 11.02
[Commenta l'itinerario] [Inizio pagina] [Menu] [Stampa]
Non sono presenti commenti per questo itinerario.
QR Code - Itinerario 11.02