Italiano Français Nederlands Deutsch English
Ordina per: località di partenza Ordina per: numero progressivo Ordina per: data ultimo aggiornamento Ordina per: numero di commenti Ordina per: lunghezza (ove disponibile)
Ordina per: dislivello in salita Ordina per: dislivello totale Ordina per: tempo di salita Ordina per: tempo totale Ordina per: difficoltà
[01] [02] [03] [04] [05] [06] [07] [08] [09] [10] [11] [12] [13] [14] [15] [16] [17] [18] [19] [20] [21] [22] [23] [24] [25] [27] [28] [30] [33] [34] [35] [39] [41] [42]
Trekking 'Sui sentieri del Re'
11.25 San Giacomo di Entracque - Lago Bianco dell'Agnel
San Giacomo di Entracque (1213 m) - Gias sottano del Vej del Bouc (1437 m) - Lago Bianco dell'Agnel (2291 m)
Itinerario classico (andata e ritorno) [Commenta l'itinerario] [Leggi i commenti (1)] [Stampa]
2 - Il Lago Bianco dell'Agnel (2008)
2 - Il Lago Bianco dell'Agnel (2008)
Salita lunga ma agevole sul sentiero per il Rifugio Pagarì, seguita da un breve tratto un po' più impegnativo che taglia ripidi pendii e conduce all'appartato Lago dell'Agnel, incassato tra alte pareti rocciose.
A Da San Giacomo di Entracque (1213 m) a: Dislivello
[m]
Dislivello A/R
[m]
Tempo
[h:mm]
Tempo A/R
[h:mm]
Distanza
[m]
Difficoltà Segnavia
B Gias sottano del Vej del Bouc (1437 m) +239 / -15 +254 / -254 1:15 2:05 3730 T -
C Lago Bianco dell'Agnel (2291 m) +1098 / -20 +1118 / -1118 4:10 6:45 - E/EE (1) -
(1) EE il tratto dal bivo q.2280 al Lago Bianco dell'Agnel.
Descrizione: Da San Giacomo di Entracque si segue l'Itinerario 11.02 fino al bivio sulla sinistra, a q.2280m circa, per il Lago Bianco dell'Agnel.
Abbandonato il sentiero principale (segnavia M13) che prosegue per il Rifugio Federici Marchesini e imboccata la diramazione sulla sinistra (segnavia M13c), si prosegue per un breve tratto con un traverso in costa. Si guada il torrente che scende dal soprastante Ghiacciaio di Peirabroc (acqua abbondante al disgelo) e subito si incontra un bivio: a destra si sale direttamente al Passo dell'Agnel, a sinistra si prosegue per il Lago Bianco dell'Agnel e quindi per il Passo dell'Agnel. In quest'ultima direzione, la traccia traversa abbastanza pianeggiante tra roccette e rododendri un costone assai scosceso 1, quindi supera una pietraia e altri due piccoli rii. Oltre il costone il percorso si fa decisamente più agevole, riguadagnando quota tra erba e roccette. Un ultimo breve tratto in saliscendi porta sulle sponde del Lago Bianco dell'Agnel 234. Al lago converge da sinistra anche la traccia del vecchio segnavia M15, di fatto quasi scomparso, mentre lungo la sponda meridionale rade tacche di vernice guidano attraverso il macereto al Passo dell'Agnel.
Carta schematica - Itinerario 11.25
Mappa su base CTR Piemonte [?]
Accessi: Da Borgo San Dalmazzo si risale la Valle Gesso in direzione Valdieri ed Entracque. Passato l'abitato di Valdieri, si prende la deviazione a sinistra per Entracque e, poco oltre, una successiva deviazione a destra per San Giacomo. Oltre la diga della Piastra, un ultimo bivio a sinistra porta alla piccola borgata di San Giacomo di Entracque (ampio posteggio).
Note: Il tratto di sentiero contrassegnato dal segnavia M13c è ridotto a traccia su pendii ripidi. Anche i guadi possono presentare difficoltà in caso di acqua abbondante. Va percorso con attenzione.
Ultimo aggiornamento: Estate 2008
3 - Il Lago Bianco dell'Agnel; all'estrema destra, il Passo dell'Agnel (2008)
3 - Il Lago Bianco dell'Agnel; all'estrema destra, il Passo dell'Agnel (2008)
4 - Sulle sponde del lago anche una piccola spiaggetta... (2008)
4 - Sulle sponde del lago anche una piccola spiaggetta... (2008)
1 - Il ripido costone (in primo piano) che si deve attraversare per raggiungere il lago (2008)
1 - Il ripido costone (in primo piano) che si deve attraversare per raggiungere il lago (2008)
Commenti all'itinerario 11.25
[Commenta l'itinerario] [Inizio pagina] [Menu] [Stampa]
Klaud76
lunedì 01 agosto 2016
[ 213.215.*.*]

Ho raggiunto il lago a fine luglio. La prima cascata è stata la più complicata da attraversare, anche se non c'era molta acqua. Per il resto il tratto M13C è da percorrere con attenzione, anche se la traccia è sempre visibile e ci sono vari ometti. Il lago è stupendo, un piccolo gioiellino. Mi chiedo come mai non ci siano indicazioni per il lago sui vari segnavia/cartelli, si vuole forse evitare agli escursionisti della domenica di avventurarsi sul percorso M13C?

QR Code - Itinerario 11.25