Itinerario 12.17

12.17 Pontebernardo, bivio Murenz - Selletta del Becco Rosso

Pontebernardo, bivio Murenz (1497 m) - Murenz (1570 m) - Selletta del Becco Rosso (2235 m)

+743 / -5

Dislivello [m]

2:10 - 2:30

Tempo [h:mm]

5520

Distanza [m]

Difficoltà

Tipologia

Piacevolissimo itinerario che abbina una comoda salita tra boschi di larice alla presenza di numerose opere difensive appartenenti al Vallo Alpino. L'ascesa, mai faticosa per l'ottima mulattiera, è adatta sia ai sempliciescursionisti che agli appassionati di storia militare. Ottimo il panorama dalla Selletta del Becco Rosso.

Carta schematica - Itinerario 12.17


Mappa su base © OpenStreetMap contributors, SRTM; map style © OpenTopoMap - licenza CC-BY-SA

Profilo altimetrico - Itinerario 12.17
A Da bivio per Murenz (1497 m) a: Dislivello [m]
(andata e ritorno)
Tempo [h:mm]
(andata e ritorno)
Distanza [m]
(andata e ritorno)
Difficoltà Segnavia
B Murenz (1570 m) +77 / -4
(+81 / -81)
0:20 - 0:25
(0:40 - 0:45)
1237
(2474)
T =
C Selletta del Becco Rosso (2235 m) +743 / -5
(+749 / -749)
2:10 - 2:30
(3:50 - 4:20)
5520
(11040)
E P62

Lasciata l'auto al bivio per Murenz (1497 m) si imbocca la stradina asfaltata (sbarra) che si allunga verso nord nord-est in leggera salita, oltrepassando quasi subito la Casermetta difensiva di Murenz, ora riattata a colonia estiva.

La casermetta era in grado di ospitare una trentina di uomini e disponeva di un ricovero per quattro pezzi di artiglieria.

[Valle Stura Fortificata]

In alcuni minuti si ad un bivio a sinistra con una diramazione sterrata per l'Auta di Barel (che si ignora) e, poche decine di metri dopo, alle poche case riattate di Murenz (1570 m, 0:20 - 0:25 dal bivio per Murenz).

E' possibile arrivare in auto fin qui, ma si consiglia di lasciare i posti auto ai proprietari delle abitazioni.

Al primo tornante l'asfalto termina: si lascia innanzi la pista sterrata che scende (diventando sentiero) a Pontebernardo, e ci si tiene sullo sterrato che sale a sinistra.
Poco oltre, si trascura ancora a sinistra una pista sterrata che sale tra i prati e si giunge ad un bivio segnalato. Si lascia innanzi la sterrata che scende a Preinardo e si segue la pista sterrata che si stacca a sinistra seconda diramazione per Ferriere e il Becco Rosso (segnavia P62).

Su molte guide e carte la cima viene indicata con il toponimo di Becchi Rossi). In questa descrizione si è preferito mantenere la denominazione al singolare, utilizzata anche dai militari per le loro opere difensive dei primi decenni del Novecento.

La strada arriva a lambire una installazione di antenne telefoniche e continua l'ascesa con lunghi tornanti e pendenze moderate all'interno di un bel lariceto. A quota 1740 circa si trascura intorno una esile traccia sulla destra che conduce all'Opera 10 del Vallo Alpino e, subito dopo, ancora sulla destra, si supera il sentierino che porta a vecchi trinceramenti (che una palina definisce pomposamente "antiche fortificazioni").
La recente pista sterrata lascia qui il posto alla vecchia mulattiera militare: superato l'arrivo, a destra, della succitata deviazione per i trinceramenti, portano ai piedi dell'Opera 11.

Costruita nel 1938, l'Opera 11 14 disponeva di un presidio di 8 uomini ed era armata con due mitragliatrici.

[Valle Stura Fortificata, p.177]

Della mulattiera militare restano ora solo tracce, ma l'ascesa continua comoda sul sentiero in cui si è trasformata: Con una serie di tornanti più stretti si tocca l'Osservatorio della Cresta di Barel, quindi si esce per un breve tratto dal bosco e si attraversa un pendio detritico.

L'Opera 1, in posizione dominante sulla valle 16 ed ancora in ottimo stato, fu costruita tra il '40 e il '42; oltre a svolgere la sua funzione di osservatorio avrebbe dovuto anche ospitare strutture di comando. Era dotata di una caponiera per la difesa attiva, di un osservatorio a 4 visuali e di una serie di locali logistici in caverna.

[Valle Stura Fortificata, p.178]

Alcuni lunghi e panoramici traversi 13 tra radi larici portano ad una bella radura prativa 17, sede del rudere di un ricovero militare e dominata da una postazione per mitragliatrice dell'Opera 12, visibile sulla parete rocciosa in alto a sinistra.

Realizzata nel 1937, l'Opera 12 12 aveva il compito di proteggere l'accesso al Becco Rosso. Disponeva di due postazioni per mitragliatrice ed aveva un presidio di 8 uomini. Impressionante la scalinata in cemento che porta all'ingresso dell'Opera, realizzata lungo una parete rocciosa a picco nel vuoto.

[Valle Stura Fortificata, pp.184-185]

Al primo tornante oltre il rudere si ignora la traccia a sinistra per l'Auta di Barel, quindi con le ultime ripide svolte si giunge alla Selletta del Becco Rosso (2235 m, 1:50 - 2:05 ore da Murenz) 15, ottimo punto panoramico sull'Alta Valle Stura e su alcuni suoi valloni laterali 11.

Il sentiero principale scende sul versante opposto in direzione di Ferriere. Tuttavia, vale la pena esplorare la zona circostante la selletta, dove sono ubicati gli ingressi di alcune delle maggiori opere fortificate in caverna del Vallo Alpino: seguendo il crinale verso sinistra (per chi arriva da Murenz), una traccia abbastanza labile sulla sinistra conduce ad uno degli ingressi dell'Opera 13 3; andando a destra si raggiungono invece due degli ingressi dell'Opera 14.

L'Opera 13 2 nasce dall'unione di due precedenti impianti, armati rispettivamente con una e due mitragliatrici, successivamente collegati con una lunghissima galleria.

[Valle Stura Fortificata, pp.183-184]

L'Opera 14 e la collegata Batteria del Becco Rosso costituiscono indubbiamente il maggiore impianto della zona, che si estende nelle viscere della montagna su tre piani; i due livelli più alti costituiscono l'Opera 14, il livello inferiore la Batteria. Le due opere sono collegate internamente da una serie di rampe di scale 510.
L'Opera 14 1867 era armata con 5 postazioni per mitragliatrice, 4 delle quali realizzate a metà degli anni '20 4.
La Batteria del Becco Rosso 89 disponeva invece di 3 casematte per 4 pezzi di artiglieria (una casamatta era binata) montati sul proprio affusto da campagna. Tutto il complesso era servito da una guarnigione di 65 uomini.
I maggiori interventi di demolizione hanno riguardato le casematte della Batteria, tutte in pessime condizioni tranne una; una piccola parte del livello superiore dell'Opera 14 è invece stato trasformato in ricovero da privati.

[Valle Stura Fortificata, pp.181-183]

Accessi

Da Borgo San Dalmazzo si risale la Valle Stura fino a Pietraporzio e quindi Pontebernardo. Qui si imbocca il bivio sulla sinistra per il Rifugio Talarico e i Prati del Vallone. Passata una deviazione sulla sinistra per il Vallone del Piz, si continua a salire fino ad una deviazione sulla destra per Murenz, chiusa da una sbarra al traffico privato. Un piccolo slargo permette di lasciare l'auto.

Note

Molte delle Opere toccate da questo itinerario facevano parte del 18° Caposaldo Becco Rosso. Alcune di esse sono state sottoposte a demolizione a seguito degli accordi di pace stipulati al termine della seconda guerra mondiale. La visita di tali Opere è pertanto sconsigliata.

Pernottamento

--

Cartografia

[Fra n.13] [AsF n.6] [ICG n.7]
I riferimenti dettagliati alle carte sono disponibili nella sezione Bibliografia.

Ultimo aggiornamento

Ultimo sopralluogo: Primavera 2021

QR code

Inquadra il QR code con l'apposita App del tuo telefonino per essere indirizzato a questa pagina web.

QR Code - Itinerario 12.17

Valerio79

mercoledì 25 agosto 2010

[ 83.103.*.*]

Dove inizia questo itinerario vi è ora una sbarra. Lunedì scorso era alzata, siamo andati avanti in auto e parcheggiato a borgata Murenz. L'asfalto è in ottimo stato per tutto il percorso. Di lì in 1h30 siamo arrivati ai Becchi Rossi.

duffy4

martedì 23 giugno 2015

[ 95.253.*.*]

escursione fatta domenica 21.06.2015...è stato un ottimo modo per cominciare l'estate! il sentiero è fattibile in ogni punto e sicuro e nonostante sia in parte mulattiera è percorribile in modo agevole; molto interessante e suggestiva l'incursione nell'osservatorio militare. il tempo era ottimo quindi è stato particolarmente piacevole! sentiero molto poco battuto perciò anche di domenica abbiamo incontrato pochissime persone.

Commenta l'itinerario 12.17

1 - L'Osservatorio della Cresta di Barel con la sua caponiera (2006)
1 - L'Osservatorio della Cresta di Barel con la sua caponiera (2006)
2 - La scala che porta a una postazione per mitragliatrice dell'Opera 13 (2006)
2 - La scala che porta a una postazione per mitragliatrice dell'Opera 13 (2006)
12 - Feritoia di una postazione per mitragliatrice dell'Opera 12 (2006)
12 - Feritoia di una postazione per mitragliatrice dell'Opera 12 (2006)
15 - La Selletta del Becco Rosso con alle spalle la vetta del Becco Rosso, che nasconde al suo interno l'Opera 14 e la Batteria del Becco Rosso (2013)
15 - La Selletta del Becco Rosso con alle spalle la vetta del Becco Rosso, che nasconde al suo interno l'Opera 14 e la Batteria del Becco Rosso (2013)
5 - Un pozzo con scala alla marinara dell'Opera 14 (2006)
5 - Un pozzo con scala alla marinara dell'Opera 14 (2006)
4 - Opera 14, postazione per mitragliatrice realizzata a metà anni '20; era armata con una mitragliatrice FIAT raffreddata ad acqua e posizionata su proprio treppiede (2006)
4 - Opera 14, postazione per mitragliatrice realizzata a metà anni '20; era armata con una mitragliatrice FIAT raffreddata ad acqua e posizionata su proprio treppiede (2006)
18 - Il ricovero truppa dell'Opera 14 (2013)',
18 - Il ricovero truppa dell'Opera 14 (2013)',
7 - Le gallerie dell'Opera 14 (2006)
7 - Le gallerie dell'Opera 14 (2006)
3 - Il Vallone di Ferriere e la Bassa di Colombart visti dai pressi dell'Opera 13 (2006)
3 - Il Vallone di Ferriere e la Bassa di Colombart visti dai pressi dell'Opera 13 (2006)
17 - La radura situata poco a valle della Selletta del Becco Rosso, attraversata dalla mulattiera ex-militare (2013)
17 - La radura situata poco a valle della Selletta del Becco Rosso, attraversata dalla mulattiera ex-militare (2013)
6 - Postazione per mitragliatrice dell'Opera 14 che conserva l'originale mascheratura in pietra (2006)
6 - Postazione per mitragliatrice dell'Opera 14 che conserva l'originale mascheratura in pietra (2006)
8 - L'enorme ricovero truppa ricavato all'interno della Batteria del Becco Rosso (2006)
8 - L'enorme ricovero truppa ricavato all'interno della Batteria del Becco Rosso (2006)
11 - Il Vallone di Ferriere dai pressi della Selletta del Becco Rosso (2006)
11 - Il Vallone di Ferriere dai pressi della Selletta del Becco Rosso (2006)
13 - L'impressionante parete sedimentaria de 'Le Barricate' vista dal sentiero per il Becco Rosso (2006)
13 - L'impressionante parete sedimentaria de 'Le Barricate' vista dal sentiero per il Becco Rosso (2006)
10 - L'inizio della scala di collegamento tra la Batteria del Becco Rosso e l'Opera 14 (2006)
10 - L'inizio della scala di collegamento tra la Batteria del Becco Rosso e l'Opera 14 (2006)
9 - Le due cannoniere poste sul lato nord della Batteria del Becco Rosso (2006)
9 - Le due cannoniere poste sul lato nord della Batteria del Becco Rosso (2006)
14 - Piastra di corazzatura di una postazione per mitragliatrice dell'Opera 11 (2008)
14 - Piastra di corazzatura di una postazione per mitragliatrice dell'Opera 11 (2008)
16 - Una delle quattro visuali dell'Osservatorio Cresta di Barel (2013)
16 - Una delle quattro visuali dell'Osservatorio Cresta di Barel (2013)