Itinerario 12.33

12.33 Colle Margherina - Rifugio della Gardetta - Colle del Preit - Colle Margherina

Colle Margherina (2407 m) - Rifugio della Gardetta (2337 m) - Colle del Preit (2075 m) - Gias della Margherina (2169 m) - Colle Margherina (2407 m)

+497 / -497

Dislivello [m]

4:15 - 4:50

Tempo [h:mm]

15730

Distanza [m]

Difficoltà

Tipologia

Piacevolissimo percorso ad anello, lungo ma non impegnativo. La prima parte si svolge per intero sulla rotabile ex-militare che collegava l'altopiano della Bandia con quello della Gardetta: un panoramico balcone che, con percorso quasi pianeggiante, si snoda per oltre 8 km. Il rientro avviene in parte su sentieri in parte su rotabili sterrate, al cospetto dell'imponente mole di Rocca la Meja.

Carta schematica - Itinerario 12.33


Mappa su base © OpenStreetMap contributors, SRTM; map style © OpenTopoMap - licenza CC-BY-SA

Profilo altimetrico - Itinerario 12.33
A Da Colle Margherina (2407 m) a: Dislivello [m] Tempo [h:mm] Distanza [m] Difficoltà Segnavia
B Rifugio della Gardetta (2337 m) +128 / -198 2:05 - 2:20 8411 T S43 » S36
C Colle del Preit (2075 m) +131 / -463 2:50 - 3:15 11371 T/E S36
D Gias della Margherina (2169 m) +254 / -492 3:30 - 3:55 13541 T/E S36
E Colle Margherina (2407 m) +497 / -497 4:15 - 4:50 15730 E S36

Dal Colle Margherina (2407 m) si segue verso sud-ovest la strada sterrata (segnavia S43) che, in leggero saliscendi, conduce al poco marcato valico del Colle Cologna (2396 m), attraverso il quale si scavalca lo spartiacque tra le valli Stura e Maira.
La strada prosegue a mezzacosta e stacca, a sinistra, la diramazione sterrata per il vicino Colle di Salsas Blancias.

Attraverso il Colle di Salsas Blancias è possibile poi scendere su Moriglione e Sambuco. Tra le due strade origina anche una mulattiera per il Colle Vallonetto (segnavia P44).

Assecondando l'orografia del terreno, la rotabile 1 piega prima a nord-ovest, quindi a ovest 2; lasciata a sinistra una poco evidente biforcazione con una vecchia mulattiera ex militare, la strada piega a nord (destra) 3 e si porta su una sella ai piedi della modesta elevazione di Punta Bachelor 4, posta sul crinale che si allunga verso il Bric Servagno.

Assai raccomandata la breve ascesa, lungo l'agevole cresta, a Punta Bachelor, notevole balcone panoramico dove la vista spazia in ogni direzione, da Rocca la Meja, al Monviso, al Monte Oronaye (Dislivello: +30/-0 m; Dislivello A/R: +30/-30 m; Tempo: 0:05 ore; Tempo A/R: 0:10 ore; Difficoltà: E; Distanza: - m).

Superato il crinale e invertita ancora la direzione di marcia (ora sud-ovest), si incomincia una lenta ma costante discesa 5 fino ad un piccolo impluvio (possibilità di approvvigionamento d'acqua), dove riprende l'andamento pianeggiante.
Si lascia quasi subito a sinistra il sentiero per il Colle Servagno (segnavia P35) quindi, dopo circa 1 km in direzione nord-ovest, si attraversa la sella ai piedi del Bric Bernoir.
Si trascura una pista inerbita sulla destra e, poco dopo, si ignora anche la diramazione sterrata a sinistra per un rudere (dal quale una traccia continua per il Passo Bernoir). Si prosegue in lieve discesa fino ad un ponticello in pietra, poco oltre il quale si incontra una evidente biforcazione: da destra si riceve la strada sterrata proveniente dal Colle del Preit, a sinistra (strada chiusa al traffico privato) si prosegue invece per il Passo della Gardetta.
Seguendo quest'ultima direzione, dopo un paio di svolte in leggera salita si trascura a destra il sentiero per il Colle del Preit (utilizzato per chiudere l'anello) e si raggiunge il Rifugio della Gardetta (2337 m, 2:05 - 2:20 ore dal Colle Margherina) 6, al centro dell'omonimo Altopiano della Gardetta.
Dal rifugio, si percorre a ritroso l'ultimo tratto di strada (segnavia S36) per imboccare, ora a sinistra, il sentiero inerbito 7 per il Colle del Preit. Lasciata a sinistra una piccola pozza, quando ormai si è quasi tornati sulla sterrata si svolta bruscamente a sinistra per prati, scendendo guidati dai segnavia gialli. Si trascura una traccia a sinistra, si piega a destra su una traccia che si abbandona poco dopo, e si scende nuovamente a sinistra per prati fin nei pressi di un abbeveratoio, dove si ritrova la sterrata per il Colle del Preit.
La si percorre per un breve tratto in discesa (sinistra): al primo tornante verso destra si continua sul sentiero che si stacca a sinistra e si cala nei sottostanti avvallamenti prativi, puntando indicativamente in direzione di Rocca la Meja 8.
Raggiunta nuovamente la sterrata, con un paio di tornanti si scende al vicino Colle del Preit (2075 m, 0:45 - 0:55 ore dal Rifugio della Gardetta).
Si ignora a sinistra la strada che diventa asfaltata e si dirige verso Preit, e si tiene la destra, sulla strada sterrata che sfila davanti alle Grange Ciampasso (sede dell'Agriturismo La Meja). Proprio di fronte alle case si tralascia anche la pista sterrata che scende a sinistra e si prosegue innanzi verso il Gias della Margherina.
La bella sterrata dapprima perde leggermente quota, poi s'impenna, passa a fianco di alcune malghe e, dopo un paio di decise svolte, torna pianeggiante. Giunti ad una biforcazione, si tiene il ramo di sinistra: si passa subito un ponte e si riprende la ripida ascesa che conduce al Gias della Margherina (2169 m, 0:40 ore dal Colle del Preit).
Appena prima del cortile della abitazioni, si imbocca un sentierino a sinistra che s'innalza sul crinale soprastante e lo segue fino ad immettersi sul più ampio sentiero del Tour di Rocca La Meja (o T.R.M.).
Una prima breve e ripida salita, lungo il versante destro orografico del Vallone della Margehrina, precede un tratto meno faticoso, che attraversa tuttavia una zona acquitrinosa, con una pozza a destra del sentiero. Un secondo strappo con poche svolte e l'attraversamento di un piccolo rio conducono ad ampi pascoli su arrotondati declivi, ai piedi di Rocca La Meja 9.
Si superano ancora due piccoli corsi d'acqua e, con un'ultima risalita, si perviene al Colle Margherina (2407 m, 0:45 - 0:55 ore dal Gias della margherina), dove ci si immette sulla rotabile sterrata per il Colle d'Ancoccia.
Seguendola per pochi metri verso destra si torna al punto di partenza dell'itinerario.

Accessi

Da Borgo San Dalmazzo si risale la Valle Stura fino a Demonte. Verso la fine del paese, si imbocca il bivio a destra per San Giacomo e il Vallone dell'Arma. Si sale per circa 25 km la stretta strada asfaltata che raggiunge i 2394 metri del Colle Valcavera. Al colle, si svolta a sinistra sulla rotabile sterrata ex militare, dal fondo più che discreto, che raggiunge il Colle Margherina in circa 3,6 km. La strada sterrata potrebbe essere soggetta a restrizioni del traffico.

Note

--

Pernottamento

--

Cartografia

[Fra n.13] [AsF n.6] [ICG n.7]
I riferimenti dettagliati alle carte sono disponibili nella sezione Bibliografia.

Ultimo aggiornamento

Ultimo sopralluogo: Estate 2012

[Ultimo aggiornamento scheda: Estate 2020]

QR code

Inquadra il QR code con l'apposita App del tuo telefonino per essere indirizzato a questa pagina web.

QR Code - Itinerario 12.33

Non sono presenti commenti per questo itinerario.

Commenta l'itinerario 12.33

6 - Il Rifugio della Gardetta (2012)
6 - Il Rifugio della Gardetta (2012)
7 - I prati attraversati per la discesa al Colle del Preit (2012)
7 - I prati attraversati per la discesa al Colle del Preit (2012)
9 - Rocca La Meja dai pressi del Colle Margherina (2012)
9 - Rocca La Meja dai pressi del Colle Margherina (2012)
8 - Rocca La Meja scendendo verso il Colle del Preit (2012)
8 - Rocca La Meja scendendo verso il Colle del Preit (2012)
2 - Un caratteristico masso ai margini della rotabile ex-militare (2012)
2 - Un caratteristico masso ai margini della rotabile ex-militare (2012)
5 - Il Colle del Preit, quasi indistinguibile al centro della foto, dalla rotabile ex-militare (2012)
5 - Il Colle del Preit, quasi indistinguibile al centro della foto, dalla rotabile ex-militare (2012)
3 - Fioritura lungo la rotabile ex-militare (2012)
3 - Fioritura lungo la rotabile ex-militare (2012)
4 - In vetta a Punta Bachelor (2012)
4 - In vetta a Punta Bachelor (2012)
1 - Rocca La Meja ed i tipici fenomeni erosivi dovuti alle acque meteoriche (2012)
1 - Rocca La Meja ed i tipici fenomeni erosivi dovuti alle acque meteoriche (2012)