Itinerario 12.37

12.37 Vallone di San Giacomo q.1537 - Bivacco Bernardi - Monte Grum

Vallone di San Giacomo q.1537 (1537 m) - Gias della Sella (1846 m) - Laghetto del Bram (2197 m) - Bivacco Bernardi (2205 m) - Lo Grumet (2300 m) - Monte Grum (2361 m)

+842 / -12

Dislivello [m]

2:30 - 2:50

Tempo [h:mm]

5624

Distanza [m]

Difficoltà

Tipologia

Ad una prima parte un poco monotona, tra pascoli su un fianco del vallone, segue una seconda parte dell'itinerario decisamente accattivante. Il bivacco è assolutamente grazioso, in ottima posizione a solatio, a pochi metri dal minuscolo Laghetto del Bram. Ma è dalla vetta del Monte Grum che si ammira un panorama notevole, che spazia dalle Alpi Liguri alle Alpi Cozie.

Carta schematica - Itinerario 12.37


Mappa su base © OpenStreetMap contributors, SRTM; map style © OpenTopoMap - licenza CC-BY-SA

Profilo altimetrico - Itinerario 12.37
A Da Vallone di San Giacomo q.1537 (1537 m) a: Dislivello [m]
(andata e ritorno)
Tempo [h:mm]
(andata e ritorno)
Distanza [m]
(andata e ritorno)
Difficoltà Segnavia
B Gias della Sella (1846 m) +310 / -1
(+311 / -311)
0:55 - 1:05
(1:35 - 1:50)
2230
(4460)
E =
C Bivacco Bernardi (2205 m) +670 / -2
(+672 / -672)
1:55 - 2:10
(3:15 - 3:40)
4151
(8302)
E = » R27
D Monte Grum (2367 m) +842 / -12
(+854 / -854)
2:30 - 2:50
(4:20 - 4:55)
5624
(11248)
E R27 » =

Dallo spiazzo nel Vallone di San Giacomo q.1537 (1537 m) si segue la strada asfaltata che attraversa il rio su un ponte in cemento. Superato un tornante verso destra, al successivo tornante a sinistra si abbandona l'asfalto per imboccare a destra una mulattiera inerbita.
Dopo un breve tratto pianeggiante la mulattiera termina: si scende a destra per attraversare nuovamente il rio, quindi si rimonta un costone prativo con numerosi stretti tornanti. Guadagnata quota, un lungo mezzacosta verso nord-est tra erba e arbusti conduce ai margini di un incassato impluvio: qui il sentiero svolta deciso a destra e sale parallelo al profondo solco.
Trascurata una traccia a sinistra (tacche verdi) si imbocca il successivo e vicino bivio a sinistra. Il sentiero scende ad attraversare il rio sul fondo dell'impluvio e ne esce sul lato opposto. La salita riprende tra prati e pascoli, su un sentiero non sempre evidente ma con abbondanti tacche segnavia.
Ci si immette così sulla strada sterrata che serve numerosi alpeggi (prosecuzione della strada asfaltata del Vallone di San Giacomo) e la si segue verso sinistra, arrivando in poche decine di metri al Gias della Sella (1846 m, 0:55 - 1:05 ore dal Vallone di San Giacomo q.1537) 1.
Si passa davanti al gias, e si incontra quasi subito il bivio a destra con il sentiero per il Bivacco Bernardi. Si lascia dunque la strada (possibile via alternativa per il rientro) e ci si innalza assai ripidi sul sentiero, sempre tra pendii prativi estesi a perdita d'occhio. Il sentiero serpeggia tra i pascoli, giunge al pianoro del Chiot Soubeyran, sede di alcuni ruderi di un gias e tende a perdersi.
Poco oltre il pianoro si ritrovano traccia e segnavia: il sentiero traversa verso sinistra (nord nord-ovest) poi inverte la direzione e piega a destra (est sud-est) fino ad immettersi sul poco più marcato sentiero della Curnis Auta (segnavia R27). Si continua verso destra, ormai nella piccola conca che ospita l'altrettanto minuscolo Laghetto del Bram (2197 m) 3. Pochi metri a monte dello specchio d'acqua si trova il Bivacco Bernardi (2205 m, 1:00 - 1:05 ore dal Gias della Sella) 2.
Il sentiero, tra il bivacco e il laghetto 10, taglia in leggero saliscendi il vallone alle pendici del Monte Grum, supera un primo costolone poi, sempre a mezzacosta, si porta sulla dorsale occidentale che scende da Lo Grumet.
Si trascura la traccia a destra per il Gias del Saut e si sale a sinistra lungo il facile e ampio crinale. Giunti sulla modesta elevazione de Lo Grumet (2300 m) 9, si lascia innanzi il sentiero per il Passo della Magnana (segnavia R27) e si svolta a sinistra. Un facile sentiero sale in breve lungo il crinale 456 fino alla piccola, ma assai panoramica sommità del Monte Grum (2367 m, 0:35 - 0:40 ore dal Bivacco Bernardi) 78.

Il rientro avviene sullo stesso itinerario di salita fino al Gias della Sella. Qui si può continuare a ritroso sul sentiero percorso all'andata oppure tenersi a destra e scendere lungo la comoda strada sterrata. La strada, dopo un lungo incedere assecondando l'orografia del terreno, diventa asfaltata. Si trascurano due diramazioni sterrate a destra, la prima per il Gias Contard e la seconda per il vicino Gias Bourel, e si torna allo spiazzo q.1537. In questo caso il percorso di rientro dal Gias della Sella si allunga di 1860 m e il tempo di percorrenza si allunga di 0:25 ore.

Accessi

Da Borgo San Dalmazzo si risale la Valle Stura fino a Demonte. Si svolta a destra nel Vallone dell'Arma, e si arriva fino a San Giacomo di Demonte. Qui si prende ancora a destra nel Vallone di San Giacomo e si lascia la macchina a quota 1537 m circa, presso uno slargo prima di un ponte (vicino ad una opera di captazione idrica).

Note

--

Pernottamento

--

Cartografia

[Fra n.14] [IGC n.7]
I riferimenti dettagliati alle carte sono disponibili nella sezione Bibliografia.

Ultimo aggiornamento

Ultimo sopralluogo: Autunno 2017

QR code

Inquadra il QR code con l'apposita App del tuo telefonino per essere indirizzato a questa pagina web.

QR Code - Itinerario 12.37

Guido61

domenica 15 settembre 2019

[ 95.251.*.*]

Abbiamo percorso il sentiero ieri 14/09/2019, purtroppo la prima parte, da dove si parcheggia l'auto sino al Gias della Sella, non è affatto di facile individuazione poiché scarsamente segnalata e invasa da vegetazione e ortiche che rendono la traccia praticamente non individuabile, tant'è che abbiamo perso irrimediabilmente il percorso. Facile e ben segnato il tratto dal Gias al lago, non abbiamo raggiunto la cima Grum per sopraggiunta nebbia.

AlpiCuneesi.it

domenica 15 settembre 2019

[ 95.251.*.*]

Buongiorno Guido61, grazie per la segnalazione che sarà utile ai prossimi escursionisti. Mi spiace abbia perso il sentiero in salita: la traccia non era sempre evidente, ma le tacche segnavia erano piuttosto abbondanti quando avevo fatto io il rilievo; evidentemente, come scrive, c'era ancora parecchia erba alta ad ostacolare visuale e cammino. In caso la situazione permanga, si può valutare di raggiungere il Gias della Sella lungo la strada sterrata.

Commenta l'itinerario 12.37

2 - Il Bivacco Bernardi (2017)
2 - Il Bivacco Bernardi (2017)
4 - Panorama verso il bivacco salendo al Monte Grum (2017)
4 - Panorama verso il bivacco salendo al Monte Grum (2017)
5 - Lungo la salita al Monte Grum (2017)
5 - Lungo la salita al Monte Grum (2017)
6 - Il crinale verso il Monte Grum (2017)
6 - Il crinale verso il Monte Grum (2017)
7 - Le Alpi Liguri e Marittime dalla vetta del Monte Grum (2017)
7 - Le Alpi Liguri e Marittime dalla vetta del Monte Grum (2017)
8 - Panorama dalla vetta del Monte Grum sulla dorsale verso il Monte Bram (2017)
8 - Panorama dalla vetta del Monte Grum sulla dorsale verso il Monte Bram (2017)
9 - Panorama da Lo Grumet verso il Passo della Magnana (2017)
9 - Panorama da Lo Grumet verso il Passo della Magnana (2017)
10 - Il Laghetto del Bram e il Bivacco Bernardi (2017)
10 - Il Laghetto del Bram e il Bivacco Bernardi (2017)
1 - Il Gias della Sella (2017)
1 - Il Gias della Sella (2017)
3 - Il Laghetto del Bram (2017)
3 - Il Laghetto del Bram (2017)