Itinerario 12.23

12.23 San Bernolfo - Lago della Seccia - Pas de Colle Longue (Passo di Collalunga)

San Bernolfo (1655 m) - Rifugio De Alexandris Foches al Laus (1905 m) - Colletto del Laus (1937 m) - Il Colletto (2560 m) - Lago della Seccia (2488 m) - Colle della Seccia (2566 m) - Pas de Colle Longue (Passo di Collalunga) (2533 m)

+1187 / -309

Dislivello [m]

4:05 - 4:35

Tempo [h:mm]

10254

Distanza [m]

Difficoltà

Tipologia

Via alternativa, poco frequentata ed abbastanza lunga per il Pas de Colle Longue, consente tuttavia di attraversare i selvaggi valloni del Chiot della Roccia e della Seccia, quest'ultimo sede di un bel laghetto, e di osservare dall'alto i Lacs de Colle Longue, da un punto di vista inusuale.

Profilo altimetrico - Itinerario 12.23
A Da San Bernolfo (1655 m) a: Dislivello [m]
(andata e ritorno)
Tempo [h:mm]
(andata e ritorno)
Distanza [m]
(andata e ritorno)
Difficoltà Segnavia
B Colletto del Laus (1937 m) +298 / -16
(+314 / -314)
0:55 - 1:00
(1:35 - 1:50)
2481
(4962)
T P21
C Il Colletto (2560 m) +921 / -16
(+937 / -937)
2:35 - 2:55
(4:25 - 5:00)
5920
(11840)
E P63
D Lago della Seccia (2488 m) +998 / -165
(+1163 / -1163)
3:10 - 3:35
(5:35 - 6:20)
7747
(15494)
E P63
E Colle della Seccia (2566 m) +1076 / -165
(+1241 / -1241)
3:20 - 3:50
(6:00 - 6:50)
8275
(16550)
E P63
F Pas de Colle Longue (2533 m) +1187 / -309
(+1496 / -1496)
4:05 - 4:35
(7:20 - 8:20)
10254
(20508)
E P22

Dal bivio presso San Bernolfo (1655 m) si raggiunge il Colletto del Laus (1937 m, 0:55 - 1:00 ore da San Bernolfo) lungo l'Itinerario 12.22.
Al colle si trascura la sterrata che prosegue in discesa verso il Lago di San Bernolfo e si imbocca un sentiero sulla destra per la Rocca di San Bernolfo e la Guglia di San Bernolfo (segnavia P63). Trascurata una traccia sulla sinistra dopo pochi metri, il sentiero (una vecchia mulattiera militare ben evidente all'inizio che in seguito riappare solo per alcuni tratti) traversa in leggera salita a mezzacosta 11, poi incomincia una lunga serie di comodi tornanti, mai faticosi, che conducono nell'aspro Vallone del Chiot della Roccia 1.
Ci si tiene sempre su versante sinistro orografico del vallone e si superano una serie di piccole conche detritiche in successione 2, alternando traversi a brevi serie di tornanti per risalire i tratti più ripidi con qualche tornante. Quando ci si approssima alla testata del vallone la salita prosegue con lunghi tornanti: il sentiero arriva a toccare un intaglio roccioso che si apre a picco sul Vallone di San Bernolfo, quindi piega a destra (est) e si porta alla base di uno stretto canalino roccioso.
I resti dei muri a secco della vecchia mulattiera, anche se in buona parte franati, rendono ancora relativamente agevole la salita del canale, seppure con pendenze sostenute. Raggiunta la sommità dell'intaglio, noto come "Il Colletto" (2560 m, 1:40 - 1:55 ore dal Colletto del Laus), 3, proprio sullo spartiacque si incontrano due diramazioni: a sinistra la via normale per la Rocca di San Bernolfo, a destra la traccia per la vicina Guglia di San Bernolfo.

Il sentiero di sinistra scende leggermente tenendosi appena al di sotto dell'esile cresta spartiacque, poi riprende a salire, tagliando in diagonale pendii piuttosto scoscesi di erba e roccette. Dopo aver superato un tratto della facile crestina, il sentiero piega a sinistra attraversando una breve colata di detriti ed infine raggiunge la croce in vetta alla Rocca di San Bernolfo (0:25 ore da Il Colletto, diff. E) 910.

Divallando sul lato opposto si entra invece nel Vallone della Seccia, nel quale si scende seguendo ancora una volta il tracciato di una vecchia mulattiera, purtroppo ridotta ad esile sentiero. Con pochi lunghi tornanti su un pendio assai scosceso si perde quota tra erba e detriti. Si supera un brevissimo tratto esposto (causa frana del fondo di calpestio) attrezzato con una catena fissa, quindi si inizia un traverso a mezzacosta in lieve discesa.
Il sentiero si dirige verso il fondo idrico del vallone, poi piega a sinistra e risale con modeste pendenze tagliando pendii detritici e rocce (in questo tratto riappaiono più evidenti i resti della vecchia mulattiera). In breve, dopo due ultimi tornanti, il sentiero raggiunge il Lago della Seccia (2488 m, 0:35 - 0:40 ore da Il Colletto) 45, adagiato in una piccola conca di magra erba e detriti.
Proprio prima del lago, la vecchia mulattiera ormai qui ben evidente, si biforca: entrambi i rami conducono al Colle della Seccia, tuttavia risulta più breve e agevole il ramo di destra che, dopo aver costeggiato la sponda orientale del lago, s'innalza con alcuni svolte. All'ultimo tornante prima del valico si ignora a destra il sentiero per la Cima di Collalunga e il Vallone dei Dossi, mentre pochi metri prima del Colle della Seccia (2566 m, 0:10 - 0:15 ore dal Lago della Seccia) 12 si imbocca a destra il sentiero per il Pas de Colle Lungue (segnavia P22).

Oltre il colle la mulattiera di fatto scompare. Una traccia di sentiero scende a sinistra (ovest) tagliando i versanti assai scoscesi della q. 2614 (da qualcuno indicata come Cima Tommy) per scendere prima al Lac superieur de Colle Longue (già Lago superiore di Collalunga), poi, seguendo per cresta la spalla di rocce montonate a sinistra (est) del lago, al Lac inferieur de Colle Longue (già Lago inferiore di Collalunga).
Chi vuole raggiungere i due laghi può anche scendere direttamente e senza percorso obbligato lungo il pendio di erba e detriti sottostante al Colle della Seccia fino a giungere al Lac superieur de Colle Longue. In questo caso, bisogna prestare attenzione al filo spinato ancora disteso un po' ovunque sul terreno.
Tra il lago superiore e il lago inferiore è ben visibile il vecchio acquedotto che riforniva d'acqua la vicina Casermetta difensiva Passo di Collalunga; la canalizzazione, specialmente dall'alto, può trarre in inganno ed essere confusa con un sentiero.

Il sentiero raggiunge in breve i ruderi di un vecchio ricovero militare, quindi passa a fianco di una postazione binata per mortai e inizia un lungo mezzacosta a semicerchio, in leggero saliscendi, puntando inizialmente verso ovest tra detriti e magra erba.

I ruderi sono quelli del Ricovero Colle di Seccia, mentre la postazione per mortai da 81, completamente scavata sotto il piano di campagna, costituiva il N.A.S. 520 13.

[Valle Stura Fortificata, p.151]

Il sentiero, a tratti esile traccia, volge a sud ed inizia a perdere lentamente quota alto sul Lac inferieur de Colle Longue 14; ignorata una traccia a destra, il sentiero si trasforma in mulattiera e piega ad est, per passare ai piedi di una modesta elevazione. Si scende quindi al pianoro sottostante, lo si attraversa e si riprende la discesa. Si ignora una prima scorciatoia a destra per il Colle dell'Autaret e ci si immette su un sentiero ben marcato 6 proveniente dal Vallone di San Bernolfo.
Lo si segue verso destra, in marcata salita. Con alcuni tornanti ed un traverso terminale si giunge ad un biforcazione: si ignora il ramo che prosegue innanzi per la Testa dell'Autaret e si prende a destra, guadagnando il pochi metri l'ampia insellatura del Pas de Colle Longue (già Passo di Collalunga, 2533 m, 0;45 ore dal Colle di Seccia) 78.

Il confine italo-francese nella zona di Collalunga subisce una inaspettata modifica in anni recenti (verosimilmente nel 1989), quando i cippi di confine arretrano di alcune centinaia di metri a sfavore dell'Italia, e una porzione di territorio ad oltre 2000 metri di quota passa improvvisamente alla Francia, con tanto di 'traduzione' dei toponimi del lago e del colle, divenuti rispettivamente Lacs de Colle Longue e Pas de Colle Longue.
Il fatto crea una piccola disputa, sfociata addirittura in una interrogazione parlamentare discussa il 2 aprile del 1990. Il qui pro quo nasce dall'interpretazione del Trattato di pace fra l'Italia e le Potenze Alleate ed Associate (Parigi, 10 febbraio 1947, Allegato II - Frontiera franco-italiana - Valli superiori della Tinea, della Vesubie e della Roya - 1. Dalla Cima di Colla Longa alla Cima di Mercantour): «Il nuovo confine segue un tracciato che abbandona la vecchia frontiera alla Cima di Colla Longa e, procedendo verso oriente e seguendo la linea dello spartiacque, va lungo le creste rocciose passando per le quote 2719, 2562, il Colle di Seccia, raggiunge a quota 2760 la Testa dell'Autaret, passa per quota 2672 al Colle della Guercia (2456) e per le quote 2640, 2693 e 2689, raggiunge le Rocche di Saboulé e ne segue la cresta nord.» Oggetto del contendere il prevalere del concetto di "linea dello spartiacque" (interpretazione favorevole all'Italia), piuttosto che dell'elencazione delle quote toccate dal confine (favorevole alla Francia).
La disputa circa l'effettiva posizione della linea di confine pare venne risolta già nel lontano 1960, ma i cippi non vennero collocati a causa di "difficoltà di carattere tecnico-amministrativo".

[I sentieri della Storia, pp.196,295] [Valle Stura Fortificata, p.148]

Carta schematica - Itinerario 12.23

Scarica la traccia GPS in formato GPX

Mappa su base © OpenStreetMap contributors, SRTM; map style © OpenTopoMap - licenza CC-BY-SA

Accessi

Da Borgo San Dalmazzo si risale la Valle Stura fino a Vinadio e quindi Pianche. A Pianche si prende il bivio a sinistra per Bagni di Vinadio, da dove si prosegue per Strepeis, Callieri e San Bernolfo. Subito prima di raggiungere San Bernolfo si trova un posteggio ai margini della strada dove è possibile lasciare l'auto. Il sentiero ha inizio dal bivio sterrato che si stacca a sinistra dall'ultimo tornante prima di San Bernolfo.

Note

Tra Il Colletto e il Lago della Seccia è presente un brevissimo tratto leggermente esposto di sentiero, attrezzato con una catena fissa per agevolare il passaggio, che non comporta eccessivi problemi.

Pernottamento

--

Cartografia

[Fra n.13] [AsF n.6] [IGC n.7]
I riferimenti dettagliati alle carte sono disponibili nella sezione Bibliografia.

Ultimo aggiornamento

Estate 2018

QR code

Inquadra il QR code con l'apposita App del tuo telefonino per essere indirizzato a questa pagina web.

QR Code - Itinerario 12.23

Non sono presenti commenti per questo itinerario.

Commenta l'itinerario 12.23

1 - L'ingresso del Vallone del Chiot della Roccia (2008)
1 - L'ingresso del Vallone del Chiot della Roccia (2008)
12 - I Lacs de Colle Longue dal Colle della Seccia; sullo sfondo a destra il Pas de Colle Longue (2018)
12 - I Lacs de Colle Longue dal Colle della Seccia; sullo sfondo a destra il Pas de Colle Longue (2018)
7 - Il Lac inferieur de Colle Longue visto dal colle omonimo; in secondo piano, il Lac superieur de Colle Longue (2008)
7 - Il Lac inferieur de Colle Longue visto dal colle omonimo; in secondo piano, il Lac superieur de Colle Longue (2008)
8 - L'interno di una delle due Trune del Passo di Collalunga, realizzate nel 1887 (2008)
8 - L'interno di una delle due Trune del Passo di Collalunga, realizzate nel 1887 (2008)
2 - Il selvaggio Vallone del Chiot della Roccia (2008)
2 - Il selvaggio Vallone del Chiot della Roccia (2008)
13 - Il N.A.S. 520, una postazione binata per mortai da 81 nei pressi del Colle della Seccia (2018)
13 - Il N.A.S. 520, una postazione binata per mortai da 81 nei pressi del Colle della Seccia (2018)
4 - Il Vallone della Seccia; sullo sfondo, a destra, il prativo costone attraversato scendendo da 'Il Colletto' (2008)
4 - Il Vallone della Seccia; sullo sfondo, a destra, il prativo costone attraversato scendendo da 'Il Colletto' (2008)
5 - Il Lago della Seccia (2008)
5 - Il Lago della Seccia (2008)
11 - La vecchia mulattiera che sale verso il Vallone del Chiot della Roccia (2018)
11 - La vecchia mulattiera che sale verso il Vallone del Chiot della Roccia (2018)
6 - Viola dell'Argentera (<i>Viola argenteria</i>) (2008)
6 - Viola dell'Argentera (Viola argenteria) (2008)
3 - La Rocca di San Bernolfo e lo spartiacque che separa il Chiot della Roccia a sinistra dal Vallone della Seccia a destra (2008)
3 - La Rocca di San Bernolfo e lo spartiacque che separa il Chiot della Roccia a sinistra dal Vallone della Seccia a destra (2008)
10 - La Tete de l'Autaret e il Pas de Colle Longue dalla Rocca di San Bernolfo (2015)
10 - La Tete de l'Autaret e il Pas de Colle Longue dalla Rocca di San Bernolfo (2015)
9 - La croce in vetta alla Rocca di San Bernolfo (2015)
9 - La croce in vetta alla Rocca di San Bernolfo (2015)
14 - Il Lac inferieur de Colle Longue; sullo sfondo la Tete de l'Autaret (2018)
14 - Il Lac inferieur de Colle Longue; sullo sfondo la Tete de l'Autaret (2018)
×