Itinerario 12.22

12.22 San Bernolfo - Rifugio De Alexandris Foches al Laus - San Bernolfo

San Bernolfo (1663 m) - Rifugio De Alexandris Foches al Laus (1910 m) - Colletto del Laus (1927 m) - San Bernolfo (1663 m)

+326 / -326

Dislivello [m]

1:45

Tempo [h:mm]

-

Distanza [m]

Difficoltà

Tipologia

Breve camminata, ma molto ricca: dai bei prati attorno al Lago di San Bernolfo, all'anello intorno alla q.1996 ora attrezzato come percorso naturalistico. Suggerita la breve ascensione alla suddetta q.1996, dove si può godere di un ottimo panorama sul Lago di San Bernolfo e sul Vallone di Collalunga.

A Da San Bernolfo (1663 m) a: Dislivello [m] Tempo [h:mm] Distanza [m] Difficoltà Segnavia
B Rifugio De Alexandris Foches al Laus (1910 m) +267 / -20 0:50 - 0:55 2175 T/E -
C Colletto del Laus (1927 m) +284 / -20 0:55 - 1:00 2412 T/E -
D San Bernolfo (1663 m) +326 / -326 1:45 - E -

Prima di incominciare l'escursione, vale la pena un breve giro nella caratteristica borgata di San Bernolfo 1513, dalle tipiche abitazioni a "blockbau".

La costruzione a "blockbau", ovvero a tronchi sovrapposti orizzontalmente ed incastrati agli angoli 12, è quasi certamente di origine germanica e scandinava. Diffusa in Italia nelle aree a forte influenza germanica, è assai rara nelle Alpi Meridionali, ed ha il suo esempio tipico proprio nell'abitato di San Bernolfo. Gli edifici sono in genere formati da un piano seminterrato in pietra sormontato da un piano a tronchi sovrapposti, con copertura del tetto in paglia di segale o, più raramente, scandole. La disponibilità in valle di boschi di conifere ha agevolato di sicuro la realizzazione di queste abitazioni: basti pensare che per un fienile erano necessari fino a 200 alberi.
Al giorno d'oggi però non vi è quasi più traccia delle coperture originali, ed anche l'antico fascino di questa borgata sta lentamente scomparendo.

[-]

Da dove si è lasciata l'auto 6, si imbocca sulla sinistra la strada ex-militare sterrata che, in leggera discesa, attraversa un ponticello in cemento (poco oltre il quale si incontra una la Fontana Santo Stefano). Dopo pochi metri si raggiunge un bivio: a sinistra si trova la rotabile sterrata ex-militare che scende a Callieri, mentre a destra si sale, sempre su sterrata ex-militare, per il Rifugio De Alexandris Foches al Laus.

Il rifugio si può raggiungere con facilità, dopo parecchi lunghi tornanti, mantenendosi sempre su sterrata, attraverso un bellissimo lariceto. Tuttavia il percorso risulta meno monotono tagliando alcuni tornanti su sentiero attraverso il lariceto, ed utilizzando il cosiddetto "Sentiero Naturalistico" in discesa.

La sterrata traversa in salita nel lariceto 4. Dopo alcuni minuti, intorno a q. 1680m, si incontra sulla destra un evidente sentiero in salita (tacche giallo-rosse assai sbiadite) che si inoltra nel bosco. Il sentiero incrocia la sterrata una prima volta a q. 1720m, una seconda volta intorno a q. 1750m ed una terza subito dopo a q. 1760m, proprio in corrispondenza con un tornante verso destra. Qui conviene abbandonare il sentiero e proseguire sulla sterrata.

Da qui sentiero continua la salita nel bosco per immettersi definitivamente sulla sterrata intorno a q. 1800m; tuttavia, circa 200 metri prima di raggiungere la strada, un tratto attraverso una pietraia ormai colonizzata dal bosco e dagli arbusti costringe a muoversi senza più traccia.

Dopo due lunghi traversi, al successivo tornante verso destra, intorno a q. 1820, si incontra sulla sinistra il bivio con il Sentiero Naturalistico che verrà utilizzato per il ritorno.

Il "Sentiero Naturalistico" si snoda sul tracciato di una vecchia mulattiera ex militare che, salendo defilata al tiro nemico, raggiungeva il piccolo rilievo in posizione dominante sul Vallone di Collalunga e sul Vallone della Guercia. Sul rilevo 2 q.1996, era posizionata la 65° batteria, i cui pezzi erano rimessati nel "Ricovero artiglieria al Lago di San Bernolfo". Del deposito restano solo alcuni ruderi sulla destra della rotabile poco prima di raggiungere il rifugio.

[Valle Stura Fortificata, p.143]

Continuando la salita lungo la strada si raggiungono dapprima i ruderi del "Ricovero artiglieria al Lago di San Bernolfo", quindi il Rifugio De Alexandris Foches al Laus 7 (anche noto semplicemente come Rifugio Laus) ed infine il Colletto del Laus 83.

Il Rifugio De Alexandris Foches al Laus, in origine, altro non era che il "Ricovero al Lago di San Bernolfo" ed aveva il compito di ospitare il presidio della batteria. Attualmente in rifugio è stato completamente ristutturato.
Sul Colletto del Laus si trova invece la stazione a valle della teleferica "Lago di San Bernolfo - Laghi di Collalunga", ora riattata ad uso privato.

[Valle Stura Fortificata, p.143]

Dopo essere scesi per alcuni metri oltre il colletto, si trova sulla sinistra una evidente deviazione. Il sentiero (segnavia P21b, Sentiero Naturalistico) che da qui si diparte, scende fino all'emissario del Lago di San Bernolfo e lo costeggia sulla sinistra orografica. Con una breve e decisa risalita il sentiero si immette sul tracciato della vecchia mulattiera militare: in salita a sinistra si prosegue per la già menzionata q.1996, in leggera discesa 9 sulla destra si torna verso valle. Seguita quest'ultima direzione, si perde lentamente quota con numerosi e lunghi tornanti, attraverso un bel bosco di larici ed abeti ma con spettacolari scorci panoramici 1011. Un mezzacosta in piano porta dapprima ad attraversare un piccolo rio quindi, in leggera salita, alla rotabile ex-militare. La prosecuzione della discesa può avvenire a questo punto punto sia seguendo interamente la rotabile che ripercorrendo le scorciatoie seguite all'andata.

Carta schematica - Itinerario 12.22

Mappa su base CTR Piemonte

Accessi

Da Borgo San Dalmazzo si risale la Valle Stura fino a Vinadio e quindi Pianche. A Pianche si prende il bivio a sinistra per Bagni di Vinadio, da dove si prosegue per Strepeis, Callieri e San Bernolfo. Subito prima di raggiungere San Bernolfo si incontra un posteggio ai margini della strada dove è possibile lasciare l'auto.

Note

--

Pernottamento

--

Cartografia

--

Ultimo aggiornamento

Estate 2013

QR code

Inquadra il QR code con l'apposita App del tuo telefonino per essere indirizzato a questa pagina web.

QR Code - Itinerario 12.22

Mary0679

lunedì 22 agosto 2016

[ 95.237.*.*]

Abbiamo fatto la tratta Borgata di San Bernolfo/ lago con i nostri figli di 6 e 2 ½, pensavamo di metterci più dell'indicato ed in effetti siamo saliti in 1ora e 50 !! Il paesaggio merita, la strada e bella, i passaggi nel lariceto sono piaciuti molto al più grande, ma con la piccola siamo rimasti sulla strada. La bambina si è trovata in difficoltà nel camminare sulle pietre, in fatti la strada non é ne sterrato ne ghiaia. Il lago é stupendo, lo consiglio a tutte le famiglie.

Commenta l'itinerario 12.22

7 - Il Rifugio De Alexandris Foches al Laus (2008)
7 - Il Rifugio De Alexandris Foches al Laus (2008)
8 - Il Lago di San Bernolfo e sullo sfondo il Passo di Collalunga e la Testa dell'Autaret dal Colletto del Laus (2008)
8 - Il Lago di San Bernolfo e sullo sfondo il Passo di Collalunga e la Testa dell'Autaret dal Colletto del Laus (2008)
3 - Una marmotta (<i>Marmota marmota</i>) fa capolino tra le pietre al Colletto del Laus (1990)
3 - Una marmotta (Marmota marmota) fa capolino tra le pietre al Colletto del Laus (1990)
9 - La mulattiera ex-militare, ora sentiero, serpeggia tra larici ed abeti (2008)
9 - La mulattiera ex-militare, ora sentiero, serpeggia tra larici ed abeti (2008)
4 - La sterrata ex-militare che, in un bel lariceto, sale al Lago di San Bernolfo (1997)
4 - La sterrata ex-militare che, in un bel lariceto, sale al Lago di San Bernolfo (1997)
5 - Tetto in paglia di segale a San Bernolfo (2000)
5 - Tetto in paglia di segale a San Bernolfo (2000)
6 - Una bella fioritura di Bistorta (<i>Polygonum bistorta</i>) nei campi di fronte a San Bernolfo (2000)
6 - Una bella fioritura di Bistorta (Polygonum bistorta) nei campi di fronte a San Bernolfo (2000)
10 - Panorama su San Bernolfo dalla mulattiera ex-militare; sullo sfondo, da sinistra, il Monte Laroussa, il Passo di Laroussa ed il Monte Saletta (2008)
10 - Panorama su San Bernolfo dalla mulattiera ex-militare; sullo sfondo, da sinistra, il Monte Laroussa, il Passo di Laroussa ed il Monte Saletta (2008)
1 - La frazione San Bernolfo (1989)
1 - La frazione San Bernolfo (1989)
2 - Veduta dall'alto del Lago di San Bernolfo, dai pressi della postazione della 65^ batteria (1990)
2 - Veduta dall'alto del Lago di San Bernolfo, dai pressi della postazione della 65^ batteria (1990)
12 - Dettaglio delle tipiche costruzioni in legno a 'blockbau' di San Bernolfo (2008)
12 - Dettaglio delle tipiche costruzioni in legno a 'blockbau' di San Bernolfo (2008)
13 - Il campanile a vela della piccola Cappella di San Lorenzo (2008)
13 - Il campanile a vela della piccola Cappella di San Lorenzo (2008)
11 - L'abitato di San Bernolfo; alle spalle, quel che resta dei terrazzamenti per le coltivazioni (2008)
11 - L'abitato di San Bernolfo; alle spalle, quel che resta dei terrazzamenti per le coltivazioni (2008)
×